15giu 2022
LA CANOSA, BIANCHI E ROSSI: QUANDO IL VINO È MARCHIGIANO
Articolo di: Fabiano Guatteri

La Canosa è una cantina marchigiana che si trova nel Parco Nazionale dei Sibillini, in provincia di Ascoli Piceno.

 

Si sviluppa su 110 ettari collinari dei quali quaranta vitati. Il vigneto dimora sulla dorsale appenninica a 350-550 metri di altitudine. Si tratta di una zona viticola storicamente vocata e ciò grazie a una serie di fattori concomitanti. Innanzitutto il suolo calcareo e argilloso rosso e grigio: i vini da terreni calcarei sono strutturati e al tempo stesso fini, profumati, mentre dalle argille soprattutto rosse nascono vini oltre che strutturati, sapidi, rotondi. Dal mix dei due minerali si accentuano complessità, corposità, freschezza e longevità. A ciò si aggiungano l’altitudine, il respiro del mare, le brezze, le escursioni termiche tra dì e notte, a tutto beneficio dell’ampiezza aromatica delle uve, e quindi dei vini.

 

L’azienda ha adottato in cantina una tecnologia avanzata per il totale controllo delle temperature, dal ricevimento delle uve all’affinamento in bottiglia. Per elevare i vini utilizza tonneau di rovere di Allier, che ha una minima porosità e quindi limita l’ossigenazione dei vini mantenendone i caratteri originari.

 

 

La collezione La Canosa comprende 14 etichette: sei vini rossi rossi, quattro bianchi, tre spuanti e un rosato. Di questi ne abbiamo degustati cinque (foto 1)

 

 

Servator Offida Passerina 2021 (foto 2)
Prodotto unicamente con uve passerina, il vino matura in vasche di acciaio per 4 mesi, quindi affina in bottiglia per 2 mesi. Il colore è giallo paglierino luminoso. Al naso si apre con note di pesca bianca, sottili richiami agrumati, quindi ricordi floreali e di erbe officinali. In bocca l’impatto è fresco, verticale; il sorso è teso, croccante; freschezza e note saline conferiscono eleganza al vino.

 

Abbinamenti
Antipasti di salumeria, frutti di mare gratinati, fritti di paranza.

 

 

Pekò Offida Pecorino 2021 (foto 3)
Da uve pecorino 100% maturato in acciaio e affinato 3 mesi in bottiglia. Ha colore giallo paglierino con deboli riflessi che virano al verde. Profumo fruttato, mela golden, nuance di ginestra ed erbacee e mineralità olfattiva: roccia, pietra focaia. Rispetto a Servator in bocca ha un impatto più strutturato, senza rinunciare a una freschezza che la bilancia. È meno verticale, ma più caldo e avvolgente.

 

Abbinamenti
Tagliatelle al ragoût di triglia, paillard di vitello, ricciola al forno.

 

 

Nummaria Rosso Piceno Superiore 2017 (foto 4)
Nasce da uve montepulciano (70%) e sangiovese (30%) vinificate separatamente. Sono elevate entrambi in legno per 12 mesi, il sangiovese in botti grandi, mentre il montepulciano in tonneau.
Il vino è poi assemblato, quindi imbottigliato e affina 8 mesi prima della commercializzazione.
Possiede colore rubino intenso con sfumature violette. Profumo di frutta rossa estiva e lieve ricordo di susina leggermente appassita. In bocca è avvolgente, vellutato, tannini ben intessuti, piacevole freschezza e sapidità.

 

Abbinamenti. Lasagne al forno, filetto di manzo al pepe verde, formaggi di lungo affinamento.

 

 

Nullius 2016 Marche IGT Rosso 2016 (foto 5)
È prodotto unicamente con uve sangiovese. La felice annata giova all’evoluzione di questo vino elevato in tonneau per 12 mesi, quindi affinato in bottiglia per 8-10 mesi. Il colore è rosso rubino con sfumature granate. L’impatto olfattivo è caratteristico del sangiovese con intensità fruttata; si riconoscono la prugna rossa, la ciliegia, ma anche sentori floreali e note balsamiche mediterranee. In bocca è rotondo, pieno con acidità matura, non verde che allunga il sorso frenato dai tannini garbati giustamente presenti. Lunga, sapida chiusura.

 

Abbinamenti
Tagliolini al sugo di lepre, anguilla alla brace, manzo brasato,

 

 

Musè Marche IGT Rosso 2017 (foto 6)
Da uve montepulciano, è elevato in tonneau e affinato in bottiglia come Nullius. Possiede colore rubino ricco. Al naso si coglie frutta matura a polpa rossa, marasca, ciliegia, note balsamiche e reminiscenza boisé; in bocca è armonioso l’equilibrio tra acidità, alcolicità e tannini vivi, ma bene integrati; solida struttura sottile, tostatura vanigliata e lungo finale.

 

Abbinamenti
Ravioli di carne, branzino in salsa al vino rosso, arrosti misti.

 

 

Conclusioni


I vini La Canosa degustati, pur nella diversità, parlano tutti lo stesso linguaggio, ossia quello del loro territorio. L’insieme di alcuni fattori quali: la forte caratterizzazione data dal terreno; l’allevamento virtuoso delle viti; le pratiche di cantina senza forzature che utilizzano legni, laddove ritenuti opportuni, limitanti l’ossigenazione proprio per evitare concentrazioni; i tempi di fermentazione, macerazione, affinamento, tutto ciò conferisce riconoscibilità territoriale a questi vini. Ciò che si evidenzia è complessità, freschezza, mineralità che vengono percepite in termini di eleganza e di bevibilità.

1

2

3

4

5

6

Articoli Simili
I più letti del mese
OAD E LA CLASSIFICA 2021 DEI 150 MIGLIORI RISTORANTI EUROPEI
Opinionated About Dining (OAD), la piattaforma globale di recensioni di ristoranti diSteve Plotnicki che celebra il meglio del talento culinario mondiale, ha annunciato lasua attesa classifica dei migliori ristoranti eur... Leggi di più
BIANCO SICILIA DOC 1934 CVA CANICATTÌ
Abbiamo degustato Bianco Sicilia doc 1934, bianco della CVA Canicattì, vino di cui non è la prima volta che parliamo in quanto l’abbiamo selezionato come bianco adatto anche ad accompagnare anche piatti di carne co... Leggi di più
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenie... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.