04lug 2019
MIRABELLA E IL SUO MOMENTO MIGLIORE 1979/2019 40 ANNI DI VIGNA
Articolo di: Stefania Turato

Ancora oggi viene utilizzato in alcune situazioni, l’allevamento della vigna a Sylvoz.
Siamo in Franciacorta, Vigneto Mirabella. Azienda Mirabella.
Il sistema di coltivazione Sylvoz trova utilizzo in Friuli E' la regina delle potature nella zona del Piave in provincia di Treviso.

Tale forma di allevamento prevede una branchia permanente uni o bi-laterale.

E' la migliore forma di allevamento per varietà a fertilità distale, offre una fascia di produzione molto estesa e ben areata.
La produzione è molto flessibile e viene regolata a seconda di quanti capi a frutto vengano lasciati.

Era l’anno 1979, qualche passo addietro da noi e oggi Teresio Schiavi, nel celebrare 40 anni da quel primo passo, all’interno del suo Brolo*, non dimentica nessuno. Nessuna di quelle persone che l’ha convinto a credere in se stesso prima di tutto, e nella sua visione imprenditoriale, poi.
Passata al Bio in tempi insospettabili, la Cantina Mirabella, il nome del vigneto Mirabella ha dato il nome alla azienda ufficializzando il territorio vocato, all’inizio ha contato sulle proprie forze mentre oggi, con i due figli maschi e lo staff, sta realizzato il suo sogno.
Quando si sogna, il tempo non esiste.
In cosa consiste la Cantina Mirabella di Franciacorta?
Vasche di cemento, preferite rispetto all’acciaio,
una falda acquifera sotterranea per poter raffreddare e rinfrescare cantina e vino, ricerca della sostenibilità
e
il rispetto del Parco Naturale in cui si trova l’azienda,
sono diventati valori definitivi per la crescita qualitativa del prodotto.
I mercati stranieri, animatamente cercati, han dato un ottimo riscontro.
Giappone, Svizzera , Germania ai primi posti nella classifica export, Norvegia, Svezia, Cina, Cuba come mercati sporadici, fan ad ogni modo registrare una percentuale per le vendite quasi vicino al 30%.
Wine Spectator premia con 92 punti sia il Rosé sia il Satèn.
Il Pinot Bianco

Nel cofanetto celebrativo per i 40 anni di attività dal 1979 al 2019 c’è una bottiglia che incuriosisce: il Pinot Bianco VSQ, Pas Dosé, non Franciacorta che prevede per il disciplinare il Pinot Bianco in % per il 49 max.
Il Pinot Bianco Mirabella è il vigneto Mirabella. Annata 2015, sboccatura 2016. Epoca di beva suggerita: 2020.
Quale storia racconta questo vino?
Credendo si trattasse di Chardonnay, si è scoperto in seguito rivelarsi Pinot Bianco, messo a dimora su 8 ettari a inizio attività.

Che ruolo ha il Pinot Bianco in cuvée?
Il Pinot Bianco che alleggerisce la grassezza dello Chardonnay e smussa il nerbo del Pinot Nero; sarà capace di soddisfare la nostra richiesta di piacevolezza?
Che cosa ci sentiremo?
Una ottima sapidità e acidità.
Una acidità “filiforme” ci specifica Alessandro Schiavi, responsabile Enologo.
Prosegue Alessandro Schiavi: “sentiremo: frutti bianchi, fiori dolci bianchi, cedro”.
Il Pinot Bianco suggerisce evoluzioni esemplari, noi siam curiosi di assaggiarlo, nel suo momento migliore.
Si, il momento migliore c’è sempre. Un vino può affinare più o meno velocemente poi rallentare e il momento migliore in un vino è decisamente importante. Soddisfa il cliente, può sposare l’abbinamento, fa ascoltare il racconto del tempo, degli uomini, della vigna.
Che cosa ne fa il momento migliore?
L’origine del vigneto innanzitutto, l’intervento dell’uomo nel rispetto in vigna, l’osservazione dei ritmi biologici, la vinificazione ossia la realizzazione del progetto dell’enologo e poi, il tempo.
Il tempo, variabile talvolta impalpabile eppure fondamentale. Il tempo di un sogno.
Il tempo per il vino Franciacorta può diventare alleato, suggeritore di sapori e profumi che si susseguono nel bicchiere, sotto il nostro naso.
Noi consumatori attenti, abbiamo imparato a volere questo. Vogliamo tutta la storia possibile in un bicchiere, in quel momento. Che gioia!

 

QUALE E’ IL MIGLIOR ABBINAMENTO RIPETIBILE
Spaghetti alla Chitarra,
Ingredienti ed esecuzione:
spaghettone ruvido cotto al punto giusto, tartare di tonno, un poco sopra un poco sotto gli spaghetti, bottarga grattugiata al momento.
Questa “ semplicità “ è stata abbinata con la Riserva Mirabella 2011. 8000bt. Prodotte/anno. 

Risultato dell’abbinamento: la perfezione.
L’ evento proposto per 75 ospiti, si può dire sia stato l’abbinamento emozionante e per nostra opinione, facilmente ripetibile per tutti.
Luogo: Rimini, estate dell’anno 2018. Click. Come una fotografia.
*Brolo è un termine antico per indicare un cru francese (Borgogna) ovvero, un appezzamento contenuto, delimitato tra un muretto e il muro dell’abitazione.

1

2

Indirizzo : Via Cantarane, 2 Rodengo Saiano
Telefono : 030.611197
Articoli Simili
I più letti del mese
OAD E LA CLASSIFICA 2021 DEI 150 MIGLIORI RISTORANTI EUROPEI
Opinionated About Dining (OAD), la piattaforma globale di recensioni di ristoranti diSteve Plotnicki che celebra il meglio del talento culinario mondiale, ha annunciato lasua attesa classifica dei migliori ristoranti eur... Leggi di più
BIANCO SICILIA DOC 1934 CVA CANICATTÌ
Abbiamo degustato Bianco Sicilia doc 1934, bianco della CVA Canicattì, vino di cui non è la prima volta che parliamo in quanto l’abbiamo selezionato come bianco adatto anche ad accompagnare anche piatti di carne co... Leggi di più
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenie... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.