11giu 2019
DOVE UN TEMPO C’ERA UN CASTELLO | PODERE CASALE
Articolo di: Stefania Turato

Il Gutturnio è stato il primo vino piacentino a ricevere la denominazione di origine controllata.  Abbiano scoperto la versione di Podere Casale

Un vino di carattere, di piacevolissima beva.
Si produce anche, solo in annate particolarmente favorevoli,  il Gutturnio Riserva del Castello, selezione invecchiata in piccole botti di quercia.

 

Podere Casale (foto 1 e 2) si trova a Ziano Piacentino, ben in alto in collina, una vista a perdita d’occhio che conquista soprattutto sdraiati da bordo piscina. L’estate sembra arrivata, ci aspettiamo calde giornate per lunghe passeggiate, fresche nuotate e perché no, grandi abbuffate di sapore.

 

 

Come le tagliatelle alle noci. Con una perfetta tagliatella, tirata a mano per il condimento, preparate le noci mature togliendo il guscio coriaceo. Tostatele in padella, Prendete un frullatore da cucina: mettete dentro le vostre noci, aggiungete il burro (50g), l’aglio e il prezzemolo e riducete tutto a una crema (se risulta troppo densa, aggiungete del latte).
Aggiungete l’olio evo 200 ml al composto così ottenuto, e frullate ancora. In mancanza di un frullatore questo passaggio si può fare tranquillamente a mano, con un coltello molto affilato. Aggiungete al composto panna (100 ml), formaggio, noce moscata, un pizzico.

Il sapore qui è categorico.
Deve essere soprattutto servito caldo, appena preparato, a mano, nelle cucine laboriose e silenziose tra le colline delle quattro valli dei Colli piacentini.

 

Come ad essere in riva al mare e un po’ lo siamo. Tra calanchi che scoprono fossili e conchiglie, balene e vecchi arenili sommersi, rivestiti di verde oggi (figura 3).

 

Il sottosuolo argilo-sabbioso si confà alla produzione di questi vini rossi con una buona stoffa, tannino gradevole, non troppo leggeri (14% per il Gutturno Superiore) e dall’ottimo potenziale per l’invecchiamento. Questo ci è sembrato in degustazione il Gutturnio di Podere Casale, di vivacissimo e densissimo colore, una ottima materia al palato, ottima freschezza e lunga piacevolezza e persistenza retrolfattiva.

 

Gli attuali proprietari di Podere Casale, la Famiglia Rigamonti, un forte imprinting per l’accoglienza di turismo internazionale, hanno effettuato i lavori di ristrutturazione dell’antico edificio della famiglia Malvicini Fontana (foto 4), che trasformarono a suo tempo il Castello di Vicobarone, d’epoca medievale.

Recuperata la torre millenaria in cui era collocato il “pozzo delle lame” di epoca feudale, si è mantenuto l’originale e salvaguardate tutte le caratteristiche architettoniche della struttura.

Si sono potute annettere le antiche scuderie e oggi se ne può usufruire come agriturismo deluxe poiché risulta, nella provincia di Piacenza, tra le ristrutturazioni più affascinanti .


Il viaggio enogastronomico può continuare per giorni.
Anolini in Brodo e Agnello arrosto soddisfano la sete di Gutturnio.
Primi che non sono primi ma piatti unici, ripieni di carni, con la presenza di legumi (proteine vegetali) e proteine animali.
Tutt’in uno, il vino servito fresco “alla francese” solletica il palato con un sapore di frutti rossi, il tannino ripara dal sovradosaggio di grassi e untuosità sana di eccellenti oli di oliva come quello di Podere Illica.

1

2

3

4

Photo Credits

Photo 3 : Museo di Castell'Arquato
Indirizzo : Via Creta Vicobarone - Ziano Piacentino
Telefono : 0523.868302
Articoli Simili
I più letti del mese
IL FESTIVAL DOVE IL CIBO È PROTAGONISTA: PARMA LE 4 P DEL FOOD&PEOPLE
Il festival fa cultura dove il cibo è protagonista,  a Parma le 4 P del “Food&People”   P come : Parmigiano, Pasta, Pomodoro, Prosciutto. E come Parma, naturalmente. È stata presentata la seconda edizione di Gola Gola... Leggi di più
SAN VALENTINO È: IO, TE E DUBL
Una cena romantica, una sorpresa scintillante, un brindisi con il Metodo Classico Dubl. DUBL è la linea di Metodo Classico firmata da Feudi Di San Gregorio e nata per interpretare i vitigni tipici irpini attraverso la pi... Leggi di più
QUANDO IL RUM È MADE IN ITALY
Sino al secolo scorso l’Italia era nota quasi esclusivamente per le grappe, oltre a piccolissime oltre alla liquoristica di ispirazione casalinga cui vanno aggiunte piccole e meno note produzioni di distillati di f... Leggi di più
CENA BENEFICA AL MORO DI MONZA CON TRE CHEF OSPITI AI FORNELLI
Gli chef Carlo Andrea Pantaleo del Milano 37 di Gorgonzola, Michele Mauri de La Piazzetta di Origgio Varese, Fabio Silva del Derby Grill di Monza, e i padroni di casa Salvatore e Vincenzo Butticè del Ristorante Il Moro d... Leggi di più
DEGUSTAZIONE DI SAKE PREGIATI DELLA SAKE COMPANY AL WAGAMAMA
Si è recentemente tenuta una degustazione di sake della Sake Company abbinati ai piatti di Wagamama (foto 2) ristorante di cucina asiatica ispirata ai sapori del Giappone.   Ha condotto in modo esauriente la degustazio... Leggi di più
L’ORIGINALE DOBBIACO DI LATTERIA TRE CIME
L’Originale Dobbiaco di Latteria Tre Cime: il formaggio che racchiude il sapore unico dell’Alto Adige!  Dici Originale Dobbiaco, dici Latteria Tre Cime!  Questo formaggio è il prodotto più noto di Latteria Tr... Leggi di più
PROVATI PER VOI: GOOD BLUE; FAST-FOOD DI PESCE HEALTY E SOSTENIBILE
La bella notizia è che Fast-food non fa più necessariamente rima con junk-food, ma questo per fortuna avviene già da tempo e fa veramente piacere sapere che quasi sempre i progetti e le start-up che alzano il livello del... Leggi di più
MOVIMENTO TURISMO DEL VINO LOMBARDO: #iorestoacasa MA NON RINUNCIO AL VINO
Se è problematico andare per negozi ad acquistare bottiglie e magnum, con #viniinmovimento il Movimento Turismo del Vino Lombardo porta il vino a casa.   Alcune cantine che aderiscono al Movimento, infatti, elencate qu... Leggi di più
LA CUCINA DEI FRIGORIFERI MILANESI
Le vetrate dei Frigoriferi Milanesi,  così come quella del loro ristorante La Cucina dei Frigoriferi Milanesi,  riflettono l’immagine dell’edificio di fronte sull’altro lato della strada (foto 1). Si co... Leggi di più
ESTATE IN ALTO ADIGE: IL PICCOLO PARADISO DEL MASO PFLEGERHOF (1/4)
In Alto Adige il Maso Pflegerhof è un’oasi verde che coltiva 500 varietà di piante, erbe officinali ed aromatiche tutte da scoprire. ( Foto 2 )   Arroccato sui pendii intorno a Sant’ Osvaldo di Castelrotto ... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.