27ago 2023
Sei vini rosati sardi e siciliani, solari come le loro terre
Articolo di: Fabiano Guatteri

I vini rosati hanno colori invitanti, pallidi o intensi che siano. Sono vini eclettici, adatti ad abbinarsi ai piatti di questa estate che sta volgendo  al termine, ma che potranno accomoagnarci anche per altri mesi dell’anno. Ne abbiamo selezionati sei delle isole, tre sardi e tre siciliani di cui uno di Salina. Ve li presentiamo in ordine alfabetico

 

 

 

I vini 

 

 

deAetna Etna Rosato DOC Terra Costantino (foto 2) 

 

L’Azienda si trova sulle pendici dell’Etna, sul versante Sud-Est, lontano 6-7 chilometri dalla costa, per cui di giorno riceve il vento dal mare, la sera l’aria fresca dalla montagna.
La conduzione biologica è certificata dal 2002.
deAetna Etna Rosato nasce da uve nerello mascalese (90%) e nerello cappuccio. I grappoli sono messi in pressa sino a ottenere la colorazione e i profumi desiderati. Il solo mosto prosegue la vinificazione in bianco. Il vino ottenuto matura in acciaio sui lieviti fino al marzo successivo alla vendemmia quindi è imbottigliato e affina almeno due mesi prima di essere commercializzato.

Note gustative
Colore rosa tenue.
Profumo fruttato di fragola e note floreali di rosa.
In bocca è succoso, si ritrovano sensazioni fruttate e floreali già percepite in fase olfattiva con note saline e vena acida che forniscono piacevolezza al sorso.

 

Abbinamento
Sarde ripiene.

 

 


Isara Cannonau di Sardegna DOC Rosato Antichi Poderi Jerzu (foto 3) 


Antichi Poderi Jerzu è una Cantina Cooperativa nata nel 1950. Si trova nella sottozona Jerzu, una delle tre aree che il disciplinare riconosce come particolarmente vocate alla produzione di Cannonau. Ai vini rossi prodotti con queste uve, la Cantina ha ora affiancato Isara, rosé al suo esordio. Per produrlo le uve cannonau di un solo vigneto di montagna sono caricate nella pressa e dopo una breve macerazione a freddo, il mosto è travasato nel vinificatore. Qui svolge la fermentazione con lieviti selezionati. Il vino ottenuto matura in vasche d’acciaio sui lieviti fini per tre mesi con bâtonnage  regolari quindi è imbottigliato.

 

Note gustative
Colore rosa carico.
Al naso si evidenziano i sentori primari di piccoli frutti e di viola, posti in rilievo dalla criomacerazione, con sfumature agrumate di pompelmo.
In bocca è pulito, netto, fruttato, morbido, fresco.

 

Abbinamento
Tagliata di tonno.

 

 


Nudo Cannonau di Sardegna DOC Rosato Siddùra (foto 4) 


Siddùra è una Cantina sarda nel cuore della Gallura. Produce vini che sono espressione del territorio, risultato di uno stile di vinificazione capace di interpretare la tradizione, utilizzando gli strumenti più attuali.
Nudo è prodotto con uve cannonau allevate in terreni sabbiosi da disfacimento granitico. Dopo la raccolta sono pressate; il mosto, una volta assunto la coloritura desiderata, viene lasciato decantare alcuni giorni a bassa temperatura, quindi svolge la fermentazione alcolica in acciaio e in acciaio matura sui lieviti fini sino all’imbottigliamento.

 

Note gustative
Nel calice presenta colore rosa tenue.
Al naso il profumo è intenso, caratterizzato da note agrumate di pompelmo rosa, cui si uniscono sentori di ananas e di macchia mediterranea.
L’impatto gustativo è morbido e si avverte immediatamente la vena fresca che fornisce tensione al sorso vibrante e lungo, con ricordi salini.

 

Abbinamento
Fregula con le cozze.

 

 

 

Salina Rosato IGP Cantine Colosi (foto 5)

Gli albori dell’attività enologica della Cantina risalgono al primo ventennio del Novecento inizialmente nel ramo commerciale diventato negli anni settanta di produzione.
Salina Rosato è prodotto con uve nerello mascalese e corinto nero equamente rappresentate, allevate a Salina in zona di Monte dei Porro in terreno di tufo sbriciolato, costituito da sabbia bianca. Il colore intenso del vino non è dovuto a prolungate macerazioni, ma alle caratteristiche del corinto nero, uva ricca di antociani che durante la brevissima macerazione, durata un’ora, si sono sciolti nel mosto, colorandolo. La vinificazione avviene in assoluta riduzione evitando contatti con l’ossigeno, utilizzando l’azoto.

Note gustative
Colore succo di melagrana.
Al naso floreale marcato, di fiori freschi e secchi, soprattutto di rosa; ricordi fruttati di ciliegia, di macchia mediterranea e spiccata mineralità.
In bocca l’impatto è morbido fresco, con note minerali, soprattutto saline; lunga la persistenza.

 

Abbinamento
Scorfano in guazzetto.

 

 


SF Sicilia DOC Serra Ferdinandea  (foto 6)  


Serra Fernandea è nata da un progetto realizzato dalle famiglie Oddo e Planeta.
Si trova su un rilievo rivolto da un lato verso l’entroterra siciliano e dall’altro verso il mare. Si estende su 17 ettari vitati dove sono messi a dimora, a conduzione biodinamica, uve grillo, sauvignon blanc, syrah e nero d’Avola.

Serra Fernandea è prodotto per il 70% con uve nero d’Avola, completate per il restante 30% da syrah, vinificate separatamente. Dopo la raccolta sono subito refrigerate, diraspate e poste in pressa dove macerano il tempo necessario per comunicare al mosto un tenue colore rosato. La sola fase liquida, dopo essere stata decantata, fermenta in vasche di acciaio. Il vino ottenuto matura sui lieviti fini sino a gennaio, quindi le due partite sono assemblate e affinate in bottiglia.

Note gustative
Colore buccia di cipolla ramata.
Al naso ricordi floreali, con spiccate note di viola, di rosa oltre a sentori fruttati di fragola di bosco.
In bocca è fresco, verticale, con corrispondenza degli aromi primari con quelli avvertiti in fase olfattiva.

Abbinamento
Sashimi di seppia.

 

 


Sirè Cannonau di Sardegna DOC Rosato Tenute Gregu (foto 7) 

 

L’ Azienda Tenute Gregu dimora a 450- 500 metri di altitudine, su suolo granitico e si estende su 46 ettari dei quali 30 a vigneto: 25 ettari a vermentino, cinque ettari a canonau, bovale, carignano, syrah e merlot. La proprietà si trova in una zona ventosa battuta dal maestrale con una forte escursione termica tra dì e notte.
Sirè è prodotto con sole uve canonau, con permanenza del mosto sulle bucce in pressa di 3-4 ore. Il mosto svolge quindi la fermentazione in acciaio e il vino ottenuto matura sui lieviti fini per diversi mesi prima dell’imbottigliamento.

 

Note gustative
Colore rosa scarico con riflessi cerasuoli chiari.
Al naso è fruttato, si riconoscono piccoli frutti boschivi oltre che ricordi di ciliegia e note floreali.
In bocca è fresco, sapido, di piacevole beva, fruttato.

 

Abbinamento
Spaghetti alle vongole in bianco

1

2

3

4

5

6

7

Photo Credits

Photo 1 : Riccardo Mortandello da Pixabay
Articoli Simili
I più letti del mese
A MANTOVA FIERA MILLENARIA 2020: TERRITORIO, CIBO, COMUNITÀ
Torna, dal 4 all’8 settembre, la Fiera Millenaria di Gonzaga (MN), Fiera Nazionale dell’Agricoltura e dell'Agroalimentare iscritta nel calendario ufficiale delle Fiere Nazionali Specializzate, che vanta quasi... Leggi di più
SIMPLY THE BEST! 2019 | LE 10 ETICHETTE DA NON PERDERE (1/2)
Siamo stati a Simply the best! che abbiamo anticipato qui. Ovviamente non abbiamo potuto degustare i circa 150 vini esposti. Però, dei campioni che abbiamo esaminato abbiamo fatto una selezione di etichette che vi propon... Leggi di più
Il saper fare e l’orgoglio femminile nel nuovo marchio Tre Marie
Il logo delle Tre Marie si è rinnovato. Il nuovo marchio è stato presentato da Sammontana  e da Galbusera, le due aziende legate al brand milanese, rappresentate dalle rispettive Direttore Marketing Annalisa Ferri e Giov... Leggi di più
TENUTA DI GHIZZANO: IL TERRITORIO TOSCANO RACCONTATO DAI VINI MIMESI
Abbiamo già avuto modo di presentare Tenuta di Ghizzano  in occasione di un incontro virtuale con Ginevra Venerosi Pesciolini, la patronne dell’Azienda, di cui abbiamo scritto qui.      Centralità aziendale   ... Leggi di più
ESTATE ITALIANA - DANIELCANZIAN RISTORANTE
L'estate italiana in un menu firmato Daniel CanzianPer i mesi di luglio e agosto DanielCanzian Ristorante lancia uno speciale menu degustazione disponibile solo su prenotazione.A luglio e ad agosto DanielCanzian Ristoran... Leggi di più
DEGUSTAZIONE CON IL PRODUTTORE: I VINI CONSORZIO ALTO ADIGE ANNATA 2020
Il Consorzio Vini Alto Adige ha presentato l’annata 2020 in un incontro stampa su piattaforma zoom, organizzato dall’Agenzia di Comunicazione AB. Presenti al meeting, Eduard Bernhart direttore del Consorzio e... Leggi di più
TEATRO 7 LAB È ANCHE APERITIVI, CENE, DELIVERY E TAKE AWAY
Partiamo dall’enunciato: chi insegna a cucinare, sa cucinare. Conseguentemente se una scuola di cucina, oltre a organizzare corsi, aprisse le porte al pubblico come se fosse un ristorante, ossia non per insegnare, ... Leggi di più
VIGNA ALTA 2017 E N’ANTIA 2013 E 2017 DI BADIA DI MORRONA
La storia di Badia di Morrona  risale al 1089 epoca in cui già esisteva l’abbazia attorno alla quale fu successivamente costruito il convento. Alla fine dell’Ottocento la chiesa vendette la Badia, che venne d... Leggi di più
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenie... Leggi di più
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.