18feb 2023
Crediamo di sapere il significato di terroir, ma…
Il termine terroir è molto utilizzato nell’ambiente vitivinicolo, puntualizzando che non è traducibile né in territorio, né in terreno, di fatto però il significato è tutt’altro.
Articolo di: Fabiano Guatteri

Il viticoltore dall’alto di una collina, mostrandoci i vigneti che allignavano lungo i pendii ci disse “questo è il mio terroir”. In un’altra occasione leggendo la presentazione dei vini di un altro produttore, questi non mancò di specificare che fossero di terroir.

 

Ma che cosa significa terroir? Terroir, è risaputo è un termine francese di origine latina che ha per etimo territorium che è lo stesso etimo di territorio. Pertanto in senso stretto il sostantivo francese e quello italiano sembrerebbero coincidenti. Ma terroir ha un più considerevole significato. In Francia dal Medioevo assunse il significato di territorio comunale per cui un’area delimitata composta da un centro abitato e da terreni e/ o boschi circostanti. A titolo esemplificativo si può osservare nella fig 1 il terroir di Saint-Denis in una mappa del Seicento, ossia di epoca moderna.

 

Se non partiamo da questa constatazione, ossia che fa parte del terroir anche una comunità umana, ci sarà difficile comprenderne pienamente il significato. Sul dizionario Larousse per terroir come prima accezione troviamo “Ensemble des terres exploitées (sfruttate) par les habitants d'un village”.
Il vocabolario Treccani riporta “Nel linguaggio enogastronomico, termine indicante il rapporto che lega un prodotto (vino, caffè, ecc.) alle caratteristiche del microclima e del suolo in cui è coltivato.

 

Ed è questo il punto. Nel significato attribuito in Francia la centralità sono gli abitanti del villaggio, la comunità umana, mentre in quello italiano l’uomo inteso come comunità non appare.

 

Se avessimo chiesto al viticoltore dall’alto del suo colle che cosa intendesse per terroir ci avrebbe risposto che non è tout-court il territorio, ma un insieme di fattori ossia il suolo su cui cresce la vite, il clima o microlclima, il vitigno, l’esposizione, l’intervento umano e, volendo esagerare, anche le biodiversità faunistiche. Ed è questa la definizione che è stata adottata in Italia, o per lo meno, è la più diffusa.

 

Riteniamo a nostro avviso che sia più completa, esaustiva e autorevole la definizione data congiuntamente da INAO - ’Institut National de l'Origine et de la Qualité, INRA - Institut National de la Recherche Agronomique,  e Unesco.

 

La dichiarazione recita : “Per comprendere il legame tra terroir e conoscenza agroecologica è interessante capire il concetto di terroir in quanto comprende molte nozioni. Questa definizione è il risultato di un lavoro collettivo tra INAO - INRA e UNESCO.”

 

Fatta questa premessa il documento definisce sostanzialmente

“Terroir uno spazio geografico delimitato, definito da una comunità umana che costruisce
nel corso della sua storia un insieme di tratti culturali distintivi, conoscenze e pratiche, basati su un
sistema di interazioni tra ambiente naturale e fattori umani. Il complesso delle cognizioni e delle esperienze messe in gioco rivelano
originalità, conferiscono tipicità e consentono il riconoscimento dei prodotti o servizi
originari di questo spazio e quindi per le persone che lo abitano. I terroir sono spazi abitativi e
innovazioni che non possono essere assimilate alla sola tradizione.”

 

Per cui costituiscono il terroir:

uno spazio geograficamente delimitato. Il terroir è uno spazio geografico i cui limiti sono stati costruiti nel tempo. Le caratteristiche del terroir si sono plasmate nel corso della storia, dalle persone che vi hanno abitato;

 

una comunità umana, tratti culturali distintivi basati su un sistema di interazioni tra l'ambiente
fattori naturali e umani.
Sono gli uomini che creano i terroir, è una comunità umana che ne esalta le potenzialità particolarità agricole e culturali di uno spazio. A poco a poco si forgiano legami di solidarietà, identità e anche regole collettive condivise.
Inoltre, questa comunità non si evolve isolatamente, è integrata in una società più ampia che impone regole generali (trasformazione alimentare, commercializzazione, ecc.);

 

il saper fare inteso come il complesso delle cognizioni e delle esperienze che rivela originalità e conferisce tipicità.
La conoscenza e il complesso delle cognizioni e delle esperienze degli uomini provengono dalle interazioni in evoluzione tra pratiche umane e
l'ambiente circostante e sull'accumulo di esperienze individuali e collettive nel tempo. Questi
conoscenze e saperi definibili agroecologici sono stati trasmessi di generazione in generazione
e osservando le pratiche degli avi e via via arricchendosi di nuove operazioni.
Sono trasferibili in un continuo processo di evoluzione e innovazione, e condivisi all'interno del comunità umana.
Queste continue interazioni conferiscono ai prodotti locali un'originalità che li distingue dagli altri e
quindi indurre una "tipicità";

 

il riconoscimento per i prodotti e servizi originati da questo spazio e per le persone che lo abitano.
Le comunità locali si riconoscono attraverso il loro complesso delle cognizioni e delle esperienze condiviso e i loro prodotti. Il riconoscimento esterno è ovviamente importante; grazie alla loro tipicità e alla loro immissione sul mercato, i
prodotti e servizi locali devono sviluppare una ‘reputazione’ che, a sua volta, porta riconoscimento di questo spazio e delle persone che lo abitano;

 

gli spazi innovativi e vivaci che non possono essere assimilati alla sola tradizione.Il terroir mantiene un forte rapporto con il tempo, l'ancoraggio spaziale non è sufficiente, l'ancoraggio storico del
bene o servizio contribuisce alla sua tipicità in connessione con il suo terroir.
I terroir di oggi esistono solo perché ieri erano spazi di evoluzione e innovazione,
è un processo in corso che è ancora in corso.

Pertanto ciò che conta del terroir sono le interazioni delle tre componenti fondamentali e irrinunciabili, vale a dire l’uomo inteso come comunità, lo spazio geografico  e  il vitigno, nel caso della viticoltura riassumibile nello schema della figura 2.

 

Conseguentemente questo trinomio inscindibile è la base su cui si fonda il concetto di terroir. Escludere uno di questi fattori, o sostituirne uno con un altro più riduttivo (comunità con lavoro umano) conduce a un significato diverso da quello che Imai, Inra e Unesco intendono.

1

2

Articoli Simili
I più letti del mese
OAD E LA CLASSIFICA 2021 DEI 150 MIGLIORI RISTORANTI EUROPEI
Opinionated About Dining (OAD), la piattaforma globale di recensioni di ristoranti diSteve Plotnicki che celebra il meglio del talento culinario mondiale, ha annunciato lasua attesa classifica dei migliori ristoranti eur... Leggi di più
BIANCO SICILIA DOC 1934 CVA CANICATTÌ
Abbiamo degustato Bianco Sicilia doc 1934, bianco della CVA Canicattì, vino di cui non è la prima volta che parliamo in quanto l’abbiamo selezionato come bianco adatto anche ad accompagnare anche piatti di carne co... Leggi di più
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenie... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.