16dic 2023
Weingut Sommer: il saper fare austriaco in 5 etichette
Articolo di: Fabiano Guatteri

Leopold Sommer, titolare nonché enologo dell’azienda vitivinicola austriaca Weingut Sommer di Donnerskirchen, ha presentato a novembre, in anteprima in Italia alcune referenze della propria cantina, in un press lunch organizzato a Milano dall’agenzia di comunicazione PR Comunicare il Vino presso il ristorante illiberty Milano.

 

La famiglia proprietaria vive dal 1698 a Burgenland, la zona orientale dell’Austria, ed è specializzata nella produzione di vini bianchi.

 

I vigneti allignano sulle pendici del monte Leitha, una propaggine della catena alpina, che digradano verso il lago Neusiedl.

 

La regione era un tempo coperta dal mare, come testimonia la presenza di argille e di fossili che si intervallano a granito, gneiss, quarzo e micascisto.

 

La foresta della fascia più alta della montagna, l’esposizione a sud-est, la presenza termoregolatrice del lago, definiscono un clima favorevole alla viticoltura con escursioni termiche tra la notte e il dì che giovano al corredo aromatico delle uve. Trenta gli ettari vitati con le viti più vecchie di circa 60 anni di età. La conduzione è bio, a basso intervento, e i vini ottenuti, pur nelle diversità, sono freschi, minerali, dotati di ampiezza aromatica data anche da note speziate. Per meglio inquadrare questo paesaggio ricco di biodiversità vogliamo dire di un vigneto abbandonato negli anni cinquanta perché i trattori, erano al loro esordio, a differenza dei cavalli da traino non reggevano le pendenze. Il vigneto fu allora parzialmente assorbito dal bosco, ma casualmente venne scoperto e felicemente recuperato così ora con le sue uve dà vita a un pregiato Veltliner Himmelreich dal nome del vigneto. E questo ambiente ricco di biodiversità floreali e faunistiche è tutelato dal saper fare della cantina, come spiega Leopold Sommer, grazie anche a piantumazioni e inerbimenti.

 

La collezione presentata

 

Nella collezione di etichette presentata (foto 1) tre i vini tipicamente austriaci nati da uve grüner veltliner, diversamente interpretate. Completano il quintetto l’Welschriesling, da uve riesling italico, e il Riesling, entrambi handwerk, per enfatizzarne l’artigianalità che implica un contenuto intervento umano, senza solfiti aggiunti. L’azienda produce altri vini bianchi, e in misura minore, anche rossi.

 


Grüner Veltliner Schiefer 2022 (foto 2)

 

È il vino più immediato, di più pronta beva prodotto con le uve di vigneti di 15-20 anni di età che radicano in terreno ricco di scisto (schiefer ) come ricorda l’etichetta.
Il pigiato macera circa sei ore, non di più per evitare di spingere troppo l’estrazione; la fermentazione è spontanea e il vino affina sei mesi negli stessi rasi vinari ossia acciaio e botte grande di legno di acacia.

 

Note gustative
Colore giallo paglierino scarico.
Al naso sentori di frutta gialla, agrumati di pompelmo, kumquat cui si uniscono note di alchechengi e speziate.
In bocca il sorso è secco, teso, verticale, croccante con ritorni fruttati e nuance speziate in particolare di pepe con nota salina finale.

 

 

Leitharberg DAC Grüner Veltliner Alte Reben 2021 (foto 3)

 

Nasce da uve di vigneti di 60 anni; il mosto macera sulle bucce per circa 12 ore quindi il solo mosto fermenta spontaneamente in fusti di legno di 500 e di 600 litri e il vino è elevato sui lieviti senza travasi per 10-12 mesi.

 

Note gustative

 

Colore giallo paglierino.
Al naso frutto maturo, albicocca, mela, mango.
In bocca è complesso, fresco, strutturato, con ricordi fruttati soprattutto di mela, sensazioni erbacee e minerali.

 

 

Halser Leithaberg DAC Grüner Veltliner 2020 (foto 4)


Il padre di Leopold utilizzava le uve di questo vigneto per produrre un vino di benvenuto. Leopold si è però reso conto della particolarità delle uve i cui grappoli erano segnatamente più piccoli e spargoli rispetto a quelli degli altri vigneti di grüner veltliner. Pertanto ha deciso di vinificarlo a parte così da ottenere un vino di grande soddisfazione, per certi versi entusiasmante. Halser è il nome di questo vigneto dal terreno costituito principalmente da calcare con un sottile strato di terriccio sabbioso superficiale. Prima che parta la fermentazione mosto e bucce macerano per 5 giorni, segue la fermentazione spontanea e il vino ottenuto è elevato prima in tonneau per 12 mesi, quindi sui lieviti fini per altri 6 mesi. La lunga macerazione è motivata dall’esigenza di ottenere un vino non solo frutto, ma anche con un corpo importante, con toni leggermente ossidativi dati dalla presenza di argille nel terreno.

 

Note gustative
Colore giallo paglierino che vira al dorato.
Al naso frutta gialla matura, anche tropicale, con ricordi di tabacco, di erbe aromatiche e di spezie.
In bocca è succoso, un corpo avvolgente, coinvolgente, fresco, minerale, salino, di grande eleganza.

 


Handwerk Welschriesling 2020 (foto 5)


È prodotto con uve Welschriesling, riesling italico, che in Austria sono utilizzate per ottenere vini di fascia bassa, verdi. Da un vigneto vecchio in terreno scistoso con uve raccolte a perfetta maturazione Leopold ha voluto dar vita a un vino diverso, artigianale.
Il terreno è costituito principalmente da pietra ardesia (scisto), con un sottile strato di terriccio sabbioso superficiale, che conferisce al vino carattere vibrante e note fruttate. La fermentazione spontanea si svolge in grandi botti di rovere con maturazione sulle fecce senza travasi per 12 mesi, quindi per sei mesi sui lieviti fini.

 

Note gustative
Colore giallo paglierino intenso.
Al naso si colgono note fruttate di melone e di agrumi, oltre a mineralità olfattiva.
In bocca il vino è scorrevole, fresco, verticale con non lunghissimo finale.

 


Handwerk Riesling 2020 (foto 6)

 

Le viti di riesling renano crescono su terreni aridi ricchi di ardesia, che comunicano note caratterizzanti alle uve e quindi al vino. Le uve, di più vigneti, sono sottoposte a una rigorosa selezione. Dopo una macerazione di 24 ore a fine fermentazione il vino affina per 10 mesi in grandi botti di legno ed è successivamente messo in bottiglia non filtrato.

 

Note gustative
Conquista il profumo di albicocca abbinato a delicate erbe aromatiche.
Secco al palato è stimolante, potente e con un grande gioco tra frutta, acidità e mineralità e con un lungo finale.

 


I vini hanno accompagnato un menu costruito appositamente, abbinandosi, tra gli altri piatti, a Maccheroni al cipollotto brasato (foto 7) e a Rusting negàa (foto 8), diversamente intensi e sapidi, dimostrando versatilità e prontezza.

 

I vini degustati  sono acquistabili direttamente presso l'e-shop della cantuna cliccando qui.

1

2

3

4

5

6

7

8

Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATINO DEL RI-USO IN TOUR, DOMENICA 2 GIUGNO A TRAVACÒ SICCOMARIO
Cultura del Ri-Uso e festa per celebrare i 10 anni de Il Girasole: alle porte di Pavia domenica di festa all’insegna del flower power e della sostenibilità. Woodstock alle porte di Pavia, nei pressi del Ponte Cope... Leggi di più
ECHI DI FRANCIA: CÔTES DES ROSES DI GERARD BERTRAND IN ITALIA CON VALDO
Côte des Roses di Gérard Bertrand  è il simbolo dell’art de vivre nel sud della Francia, fa parte di una realtà enologica con un fatturato di 175 milioni di euro ed è distribuito in oltre 110 Paesi nel mondo. Impor... Leggi di più
LE PIZZE D’AUTORE DI LIEVITÀ VETRA: PIZZE GOURMET AD ALTA DIGERIBILITÀ
Il marchio Lievità,  che conta cinque locali a Milano, ha recentemente aperto una nuova pizzeria in Piazza Vetra sotto il porticato del Vetra Buinding.     Le pizze   La pizzeria, come le altre del brand, si qualifi... Leggi di più
TORNA VIN-o-TON: MUSICA CLASSICA ALLA TENUTA ALOIS LAGEDER
In anteprima sarà presentata l’opera della compositrice olandese Mathilde Wantenaar (foto 1), "Songs of Transience".   Il concerto si inserisce in un più ampio programma che vedrà intrecciarsi musica, vino e cibo... Leggi di più
Don Papa Experience Lab
È il tema Materia Natura ad aver convinto Don Papa il Rum filippino (foto 1) a partecipare per la prima volta al Fuorisalone 2024 creando un’oasi dove natura, design, arte, sapore, musica si intersecano in un&rsquo... Leggi di più
CENA AL MUSEO ARRIVA A “LEONARDO & WARHOL. THE GENIUS EXPERIENCE”
Cena al museo. Una speciale Cena all’interno della prima mostra immersiva con opere originali.  A partire dal 15 Marzo, ogni weekend, speciali Cene al Museo all’interno di “Leonardo & Warhol. The Geniu... Leggi di più
Cinque Calici di bollicine per brindare a Pasqua
Le bollicine non hanno stagione, sono sempre adeguate e gradite in ogni periodo dell’anno. Ma vi sono alcune occasioni in cui diventano imprescindibili, soprattutto nei momenti celebrativi, per festeggiare un event... Leggi di più
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021 Si ini... Leggi di più
CALDO FREDDO DI PENNE AL NERO E CRUDITÀ DI CALAMARI E GAMBERI
Colline Albelle: l’interpretazione del vino di Julian Reneaud
Colline Albelle  è una giovane azienda toscana con sede nel comune di Riparbella, borgo medievale in provincia di Pisa, nata dall’incontro di Julian Reneaud (foto 1), agronomo ed enologo, con due produttrici di vin... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.