14dic 2018
ASINA LUNA, RISTORANTE DOVE MANGIAR LA CARNE CHE NON TI ASPETTI
Articolo di: Fabiano Guatteri

A Peschera Borromeo, comune dell’interland milanese, poco lontano dall’Idroscalo, in una villetta fuori dal centro abitato si trova Asina Luna, traduzione di aina luna, da una canzone di Fabrizio De Andrè, e la scelta del nome ci piace.

 

Il ristorante, gestito da una giovane, nonché competente coppia, ossia Tiziana Dinoia e Riccardo Succi è specializzato in carni alla brace, ma la proposta culinaria è più ampia in quanto la cucina propone una più ampia scelta di piatti anche di pesce.

 

Le carni, sostanzialmente filetti e lombate posteriori comprensive di filetto e di controfiletto, sono esposte in una vetrinetta: abbiamo contato undici tagli (foto 2). Più in là un barbecue tradizionale che presto, spiega Riccardo Succi, verrà sostituito da un nuovo modello. Soffermandoci sui tagli di carne, ciò che più ci colpisce non è tanto l’ampio assortimento, ma le caratteristiche di alcuni di questi.

 

Per esempio una lombata di colore più scuro, che potrebbe sembrare poco allettante non avendo il colore e la polposità di altri, è invece, una prelibata rarità. Si tratta di un Dry Aged, di razza Prussiana Gogiorni (nella foto 3 terzo taglio da sinistra), sottoposta a parziale disidratazione, tecnica di conservazione della carne rinverdita dal passato, attuata oggi utilizzando le più aggiornate tecnologie. Ciò comporta che la carne concentri i propri sapori e pertanto chi ama i gusti intensi non abbia dubbi su quale ordinare.

 

Un’altra carne che non passa inosservata è di razza austriaca, e viene stagionata per 80 giorni in grasso di vitello (foto 4), così da ottenere una consistenza molto diversa, se non opposta, a quella della a quella Dry Aged, in quanto la carne pur affinando a lungo, grazie al grasso mantiene la totale succulenza.

 

La nostra attenzione è catturata da un terzo taglio, sempre lombata, ma di Vacca Vecchia (foto 5), ossia di bovini vissuti a uno stato semi rado, macellati a fine vita. Abituati a manzi poco più che vitelloni, l’idea di una carne bovina di bestia anziana ci incuriosisce, perché siamo disposti ad affrontate una bistecca di carne magari più tenace di altre, ma ripagati dal sapore, riteniamo intenso.

 

Non vogliamo ora elencare tutti gli altri tagli in carta, però merita un cenno la Wagyu che qui non manca, ossia Miyabi di Kyoto (nella foto 6 il primo a sinistra), massimo grado di marezzatura A5 considerata la carne giapponese dell’anno. I capi sono allevati in un habitat antistress, in pascoli silenziosi lontani da qualsiasi forma di inquinamento e dormono in “lettiere” di trucioli di cipresso e cedro rinnovate quasi quotidianamente; inoltre e si in fonti d’acqua ricca di minerali.

 

Ma spositimoci in una delle due sale, resa accogliente dal legno degli arredi, dalle luci pacate che rendono ospitale l’ambiente. In sala Tiziana Dinoia accoglie i clienti con professionalità e cortesia. Al tavolo, mentre le carni cuociono, abbiano modo di assaporare un prosciutto crudo iberico de Bellota, ossia nutrito con le ghiande, di 36 mesi di stagionatura, Pata Negra Blanquez (foto 7), tagliato al coltello; un ottimo inizio: grande e avvolgente sapidità accompagnata dalla dolcezza delle parti grasse.

 

Non da meno il petto d’anatra affumicato adagiato su un letto d’insalata d’arancia e finocchi cui si unisce il soncino (foto 8) che ne vivacizza il sapore.

 

Il primo assaggio di carne fresca lo proviamo con la tartare di filetto di scottona servito con sedano, raspadura, noci e granella d’uovo (foto 9)... condita comme il faut (incredibile come sia difficile trovare una buona tartare) con una carne che, per usare un termine comune, si scioglie un bocca.

 

Sorprendente il rotolo di pane chapati con ripieno di Wagyu Miyabi e formaggio Comtè su crema leggera di curry (foto 10). Ciò che sorprende in questo piatto da consigliare ai più ghiotti è la riconoscibilità della carne giapponese in quanto non si presenta compatta, come quelle di ogni altro paese, ma più “diluita” per effetto del grasso che sciogliendosi la fa percepire fondente. Piatto armonico, che ci ha convinto nonostante la nostra reticenza ad abbinare carni e formaggi.

 

Poi è arrivato il momento di provare le carni cotte alla brace: due fiorentine una l’austriaca frollata nel grasso e l’altra la Vacca Vecchia (nella foto 11 a sinistra l’austaliana a destra la Vacca Vecchia), un confronto molto promettente. La prima è senza esitazione succulenta, morbida, ma senza rinunciare alla sapidità. E’ tenera, ma non cedevole, il tessuto della carne è fitto, senza mai indurirsi: si passa dal filetto al controfiletto senza incontrare grandi differenze di sapore e di consistenza. L’altra fiorentina è sicuramente più tenace, ma non “dura” come pensavamo potesse essere, semmai più soda, anzi, piacevolmente soda, e molto sapida. Qui la differenza tra filetto e controfiletto è più evidente in quanto la consistenza del filetto si rivela sensibilmente più tenera di quella del controfiletto, mentre il sapore del controfiletto è più marcato ed emerge con maggiore decisione il gusto umami.

 

Ad accompagnare le carni, e resettare il palato tra un taglio e l’altro, un gradevolissimo mix di verdure in vasocottura (foto 12). Che dire. Un’esperienza che consigliamo.

 

Per quanto la carne sia protagonista, come anticipato, non manca un nutrito filone dedicato al pesce con piatti quali polpo croccante, gamberi in tempura.

 

Inoltre segnaliamo unaben organizzata carta dei vini con ricarichi segnatamente bassi.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

Indirizzo : Via Resistenza 23 Peschiera Borromeo
Telefono : 02.55300205
Articoli Simili
I più letti del mese
ACQUAVITE D’UVA ALEXANDER: LA REGINA DELL’ESTATE
Notizia Acquavite d’Uva Alexander è un distillato morbido e aromatico, che ha origine dalla distillazione degli acini gustosi e profumati di Uva Regina. All’olfatto si caratterizza per l’avvolgente sentore di frutta fre... Leggi di più
LE SELEZIONI DI FEUDI DI SAN GREGORIO
Le Selezioni di Feudi di San Gregorio: Luci e colori dell’Irpinia  per la tavola e per la casa. Sono Cutizzi, Pietracalda, Serrocielo e Aglianico Dal Re. Giallo, rosso, blu e viola. Un colore per ognuno dei vitigni... Leggi di più
L’AGLIO, DA SEMPRE, È CONSIDERATO UNA PANACEA
L’aglio, da sempre, è considerato una panacea: originario dell’Asia, veniva adoperato sia come alimento, sia come medicinale (antinfiammatorio e antibiotico). L’aglio bianco ha la buccia – detta ‘tunica’ – bianca, i bulb... Leggi di più
SAN VALENTINO: MOMENTI D’AMORE FIRMATI DEUTZ
L’unione di due cuori che si sublima come nell’unione delle migliori annate di vendemmia. L’armonia di due innamorati che si ritrova come nella cuvée equilibrata di tre grandi vitigni – Pinot Nero, Pinot Meunier e Chardo... Leggi di più
QUELLO CHE DA ROMAGNOLI NON TI SARESTI ASPETTATO
Romagnoli è una storica cantina picentina di Villò di Vigolzone, località vicina alla più conosciuta Grazzano Visconti. Sorta a fine Ottocento ha attraversato nel secolo sorso alterne vicende sino a ritrovare più recente... Leggi di più
THE DEVIL IN THE KITCHEN: LA VITA DANNATA DI UNO CHEF STELLATO
Marco Pierre White The devil in the kitchen La vita dannata di uno chef stellato.     “Potremmo scomodare Marshall McLuhan, la mediologia e pure inventare i gender studies culinari, ma trenta anni prima degli imberbi ... Leggi di più
JUST CAVALLI, I PIATTI INVERNALI E LA PROPOSTA DI SAN SILVESTRO
Un ristorante generalmente ci piace se risponde ad alcune imprescindibili caratteristiche ossia elevata qualità della cucina, ambiente confortevole e servizio attento. Sono tutti presupposti importanti perché ne bastereb... Leggi di più
RISTORANTE FLORA A BUSTO ARSIZIO: LA CUCINA NATURALE ABITA QUI
“Nella mia cucina il frigorifero è di norma praticamente vuoto e faccio un uso quasi zero delle tecnologie” il cuoco che mi parla così non è un anziano professionista d’altri tempi che non si è voluto a... Leggi di più
GAMBERI IN BISQUE GELATINATA, FOIE GRAS D’OCA
Cagnulari Muttos 2013 Isola dei Nuraghi igt
Il Cagnulari è un vitigno presente in una piccola zona della Sardegna la quale trova il proprio epicentro nel comune di Usini nel Sassarese, su colline calcaree di circa 200 metri di altitudine. Con queste uve viene prod... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.