04gen 2019
AUGURI DI BUON ANNO. RICOMINCIO DA… CIZ
Articolo di: Stefania Turato

Ciz cantina con cucina apre a luglio 2017.

Qui,  si può scoprire la maggior parte della aree vitivinicole interessanti del mondo e potremmo cominciare così il 2019.

“Regione per regione cerco chi lavora in un certo modo, convenzionale, biodinamico ovvero, se il vignaiolo riesce a convincermi che sta lavorando con criterio senza ‘magheggi’ in cantina” così mi dice Vincenzo Gautieri  in  Viale Premuda al numero 44.

Tantissimi esempi nelle bottiglie sugli scaffali di Ciz:

Italiani 

480 vini rossi 

380 vini bianchi 

Dalla Francia, oltre 60 vini bianchi  dalla aree principali

“Alcune zone dove abbiamo selezionato più aziende” continua a raccontarci Ciz

La Germania,  praticamente ricordata “solo” per il bianco più straordinario al mondo, qui  conta 25 etichette,   dalle 4 zone.

 

Da Ciz c’è la possibilità di percorrere il tempo, tornando al  1977 finora, con annate storiche soprattutto di Barolo per i suoi clienti intenditori.

Chiediamo se le compra  per invecchiarle.

“Mi piacerebbe ma se un cliente me lo chiede le diamo in degustazione”

Per Barolo e Brunello, Pinot Nero francesi, Bordeaux, si torna agli anni ’90 e le annate storiche.

 Si, se Ciz le trova, le compra…. “Perché poi li suggerisco ai clienti esperti”

Il concetto è chiaro per Ciz: tutti i vini sugli scaffali sono  Visti, assaggiati e approvati

“Assaggio, se quello  che assaggio mi piace, un vino bianco maggiormente invecchiato ad esempio,  lo prendo, per la storia che racconta che è bella da trasferire al cliente attento, scegliendo la possibilità di narrare le vicissitudini  del vino.”

Poter far cambiare opinioni, conoscendo il valore del cliente che può intendere e osa rischiando di imparare.

Si, è vero, si ricerca l’emozione, la storia, che spingono all’ascolto

Molto spesso Ciz è considerato il “pusher” dei Barolo invecchiati che possano soddisfare,  in termini di costo e qualità.

Il lavoro in sala è quello di far provare alla gente vini che sicuramente non ha assaggiato mai e non avrà mai la possibilità di assaggiare se non andando sul posto rischiando di non trovarlo.

Riproporre in un unico posto tutto insieme è sicuramente un vantaggio

Che difficoltà si incontrano?

“Alcuni clienti hanno barriere verso i vini francesi. La soluzione è attingere a vini interessanti con prezzi corretti.”

Gli  stessi francesi si informano su quanto possa costare un vino italiano, ricercando la qualità-prezzo.

Altri vini sono costosi per ovvie e comprensibili ragioni. 

Dimensioni diverse, quantità limitate, nomi conosciuti o meno conosciuti, accomunati da un unico denominatore: fare bene il vino  ovvero, che il vino faccia bene. A buon intenditore, poche parole.

Il vino è proprio una questione di cultura, sappiamolo. Ci proviamo a comprenderne sempre di più?

(In foto Ciz che seleziona attentamente le materie prime con lo Chef e con una delle bottiglie che lo ha incuriosito che troverete in cantina, si tratta di Gaggiarone Bonarda di Alziati Annibale) 

L’altro posto a Milano, valido per il tipo di scelta nella selezione è Vinoir, in zona Navigli.

1

2

3

Indirizzo : viale Premida 44 Milano
Telefono : 02.3189915
Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATINO DEL RI-USO IN TOUR, DOMENICA 2 GIUGNO A TRAVACÒ SICCOMARIO
Cultura del Ri-Uso e festa per celebrare i 10 anni de Il Girasole: alle porte di Pavia domenica di festa all’insegna del flower power e della sostenibilità. Woodstock alle porte di Pavia, nei pressi del Ponte Cope... Leggi di più
LE PIZZE D’AUTORE DI LIEVITÀ VETRA: PIZZE GOURMET AD ALTA DIGERIBILITÀ
Il marchio Lievità,  che conta cinque locali a Milano, ha recentemente aperto una nuova pizzeria in Piazza Vetra sotto il porticato del Vetra Buinding.     Le pizze   La pizzeria, come le altre del brand, si qualifi... Leggi di più
ECHI DI FRANCIA: CÔTES DES ROSES DI GERARD BERTRAND IN ITALIA CON VALDO
Côte des Roses di Gérard Bertrand  è il simbolo dell’art de vivre nel sud della Francia, fa parte di una realtà enologica con un fatturato di 175 milioni di euro ed è distribuito in oltre 110 Paesi nel mondo. Impor... Leggi di più
TORNA VIN-o-TON: MUSICA CLASSICA ALLA TENUTA ALOIS LAGEDER
In anteprima sarà presentata l’opera della compositrice olandese Mathilde Wantenaar (foto 1), "Songs of Transience".   Il concerto si inserisce in un più ampio programma che vedrà intrecciarsi musica, vino e cibo... Leggi di più
Don Papa Experience Lab
È il tema Materia Natura ad aver convinto Don Papa il Rum filippino (foto 1) a partecipare per la prima volta al Fuorisalone 2024 creando un’oasi dove natura, design, arte, sapore, musica si intersecano in un&rsquo... Leggi di più
CENA AL MUSEO ARRIVA A “LEONARDO & WARHOL. THE GENIUS EXPERIENCE”
Cena al museo. Una speciale Cena all’interno della prima mostra immersiva con opere originali.  A partire dal 15 Marzo, ogni weekend, speciali Cene al Museo all’interno di “Leonardo & Warhol. The Geniu... Leggi di più
Cinque Calici di bollicine per brindare a Pasqua
Le bollicine non hanno stagione, sono sempre adeguate e gradite in ogni periodo dell’anno. Ma vi sono alcune occasioni in cui diventano imprescindibili, soprattutto nei momenti celebrativi, per festeggiare un event... Leggi di più
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021 Si ini... Leggi di più
CALDO FREDDO DI PENNE AL NERO E CRUDITÀ DI CALAMARI E GAMBERI
Colline Albelle: l’interpretazione del vino di Julian Reneaud
Colline Albelle  è una giovane azienda toscana con sede nel comune di Riparbella, borgo medievale in provincia di Pisa, nata dall’incontro di Julian Reneaud (foto 1), agronomo ed enologo, con due produttrici di vin... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.