08dic 2021
BIANCO SICILIA DOC 1934 CVA CANICATTÌ
Articolo di: Fabiano Guatteri

Abbiamo degustato Bianco Sicilia doc 1934, bianco della CVA Canicattì, vino di cui non è la prima volta che parliamo in quanto l’abbiamo selezionato come bianco adatto anche ad accompagnare anche piatti di carne come abbiamo scritto qui

 

Ciò che non avevamo raccontato è la storia della denominazione 1934 che è l’anno in cui a un autorevole scrittore siciliano, più precisamente di Agrigento, Luigi Pirandello, fu conferito il premio Nobel per la Letteratura. La data è stata scelta perché vuole essere il simbolo di un percorso di ricerca qualitativa che la Cooperativa, la quale opera in provincia di Agrigento, ha intrapreso da oltre 15 anni.

 

Abbiamo avuto modo di scrivere della Cooperativa presentando alcuni suoi vini qui, e qui

 

Ci limiteremo ora pertanto a ricordare che forte di 300 conferitori si è subito posta come obiettivo la ricerca della qualità intraprendendo un percorso virtuoso. Ciò spiega perché le etichette CVA trovano consenso sia in Italia sia all’estero.

 

 

Bianco Sicilia doc 1934
L’etichetta fa parte della linea Cru della cantina, composta da altri quattro vini tra cui il Nero d’Avola Aynat. 1934 è prodotto con uve grillo e chardonnay equamente rappresentate, coltivate nell’Agro Agrigentino, nei vigneti che circondano il Parco Archeologico della Valle dei Templi. Le uve sono vinificate separatamente: le uve grillo apportano ricchezza olfattiva, mentre lo chardonnay, oltre a un proprio corredo aromatico, conferisce struttura, sostenuta anche dal tipo di vinificazione cui è stato sottoposto.
Le uve grillo dopo la spremitura soffice, fermentano in acciaio mentre lo chardonnay in barrique. Entrambe le partire sono elevate in barili di rovere francese per 8 mesi sur lie. Il vino, dopo l’assemblaggio, affina in bottiglia per circa 12 mesi. Non svolge la fermentazione malolattica.

 

Note Gustative
Nel calice il colore è giallo paglierino che vira al dorato.
Al naso l’impatto è fruttato, si riconoscono frutti esotici come il frutto della passione, ma anche sfumature agrumate, nuance floreali e note vanigliate.
In bocca presenta una ben delineata verticalità sostenuta dalla spalla acida grazie anche alla fermentazione malolattica non svolta; pensiamo che oltre all’acidità fissa, 1934 abbia un ph relativamente basso che giova alla bevibilità e all’eleganza di questo vino dotato di buona struttura con alcolicità ben integrata. Proseguendo nell’analisi gustativa avvertiamo toni minerali. Il finale è lungo.

 

Abbinamenti
Servito a 12 °C accompagna pesci in umido e, grazie alla freschezza, anche fritti di paranza. Si abbina a primi piatti saporiti come la pasta alla Norma o i bucatini all’amatriciana. Si può servire anche con carni bianche come paillard alla griglia o vitello tonnato.

 

1

2

Articoli Simili
I più letti del mese
CAPODANNO CINESE AL BON WEI
L’anno della Tigre consolida i legami tra la cucina cinese e l’Amarone della Valpolicella. Infatti, in occasione del capodanno cinese - nel 2022 in Cina inizia l’1 febbraio - che per il loro oroscopo è ... Leggi di più
MALCESINE, BORGO MEDIEVALE COVID FREE DOVE TRASCORRERE VACANZE TRA LAGO E MONTI
Malcesine (foto 1) è un borgo medievale di 3700 abitanti; si trova all’estremo nord della sponda veronese del Lago di Garda, al confine con Trentino e Lombardia. Il centro, che conserva l’impianto urbanistico... Leggi di più
A PANTELLERIA NASCE UN PASSITO COLLETTIVO, IL PASSITO DELLA SOLIDARIETÀ| DE BARTOLI
Quest’anno Pantelleria produrrà un esclusivo passito collettivo, il Passito della Solidarietà. De Bartolie Bartoli  è un nome più che famoso nell’ambito dell’enologia pantesca e marsalese, ma non solo p... Leggi di più
NON AVVOLGERE L’ARROSTO NELL’ALLUMINIO
La cucina è un luogo strano. Ci sono persone brillanti che in cucina perdono lucidità quasi che i fornelli resettassero la loro intelligenza. Per cui una persona dotata di buona logica, può finire per perderla tra padell... Leggi di più
LA SOSTENIBILITÀ ATTRAVERSO I VITIGNI RESISTENTI
Nasce la rete di imprese Resistenti Nicola Biasi, sei aziende agricole in sei territori diversi tra Friuli, Veneto e Trentino, guidate da Nicola Biasi, miglior giovane enologo d’Italia per Vinoway e Cult Oenologist... Leggi di più
GOLOSARIA WINE MILANO 23 APRILE 2022: 7 VARIAZIONI DI LAMBRUSCO
L’odierna edizione di Golosaria Wine ha visto la partecipazione di parte dei produttori della regione Emilia Romagna. Hanno presenziato cantine produttrici dei vini Lambrusco, Colli Bolognesi e delle Doc romagnole.... Leggi di più
TORNA IL MERCATINO DI NATALE ALTOATESINO ONLINE DI PUR SÜDTIROL
Un’esperienza di shopping unica per scoprire i sapori e i profumi dell’Alto Adige.   Torna la vetrina virtuale dove i produttori dell’Alto Adige possono presentare le proprie eccellenze. Tante le idee... Leggi di più
L’Aura Ronchi di Brescia IGT 2022, il rosato Noventa
Noventa è un’azienda vitivinicola con sede a Botticino, cittadina nel cuore dell’omonima zona vinicola Doc in provincia di Brescia.   Nata nel 1970, la cantina è proprietaria di 11 ettari vitati disposti a ... Leggi di più
L’ECOSOSTENIBILE NATURÆ GIN FRUCTETUM È IL MIGLIORE GIN ITALIANO?
Naturæ Gin  è un brand che produce gin ecosostenibili ispirati alla natura. Fondato a giugno 2021 da due amici appassionati di gin, Diego Sgarbossa, tecnico dei servizi della ristorazione, e Carlo De Filippo, perito agra... Leggi di più
INSALATA DI BACCALÀ, SEPPIA, NERVETTI E OLIVE DI GAETA
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.