15feb 2019
LA CUCINA DEL TERRITORIO VISTA DALL’ALTO DELLA COLLINA
Articolo di: Elio Ghisalberti

Ristorante Collina (introduzione)

 

Non è mai un’operazione semplice, e spesso viene pure fraintesa. Sarà l’abitudine che gli deriva dalla passione per il parapendio, o forse la condizione di figlio d’arte cresciuto ai sani principi del lavoro e della modestia, certo è che Mario Cornali, patron del Ristorante Collina, riesce a “volare alto” anche in cucina con estrema naturalezza seppure il ragionamento con cui arriva a sviluppare i piatti è raffinato, perfino colto come dimostra questo libro che arriva dopo quello di poesie già dato alle stampe per gli amici alcuni anni fa (sì, di poesie, belle per giunta).

 

Qui le ricette  non sono altro che il terminale di racconti che trasudano anch’essi di poesia, storie che non sono un pretesto per allungare il brodo…bensì il brodo necessario da cui estrarre l’essenza della materia prima, l’obiettivo che ogni bravo cuoco deve porre al centro delle sue attenzioni. Nel “brodo” Mario Cornali frulla ambiente, tradizioni, umanità, insomma tutto quel che concorre a formarne la specifica identità.

 

Poi ci mette del suo naturalmente, ma solo dopo avere cercato in tutti i modi di carpire la dinamica del processo di produzione e della qualità organolettica. Fuori dalla metafora artistica, dalle quali lo stesso Mario Cornali, pur grande appassionato di pittura, rifugge, il suo stile di cucina punta a mantenere vivo il sapore primario attraverso l’utilizzo di tutte le tecniche disponibili di cui è diventato padrone ed interprete non dogmatico ma libero.

 

Un atteggiamento che gli ha valso anche la messa a punto di elaborazioni geniali come gli “infinitesimali” di alcolici (che il cognato Giovanni Beretta utilizza in dolci strabilianti) o il “latte al fieno” che, utilizzato negli impasti conferisce al gelato come agli gnocchi i profumi dell’erba di collina (ogni riferimento al nome del locale non è puramente casuale). Consapevole che sarebbe velleitario esprimersi al meglio su tutti i fronti, ha focalizzato la sua attenzione su quel che può reperire direttamente, senza intermediazioni. Perciò dal menu il pesce di mare di origini incerta è stato bandito in favore di quello di acqua dolce del vicino lago di Como.

 

E avanti con le carni di animali da cortile – vivaddio l’usanza di allevarli nelle cascine della zona non s’è ancora persa totalmente – piuttosto che con i tagli bovini più scontati. La verdura e la frutta è quella di stagione, ma solo della stagione che è di casa da queste parti. Dal bosco i funghi, i tartufi (neri), i loertis (germogli del luppolo), le castagne. I formaggi sono quelli dei casari della zona che trasformano il proprio latte. Una decisione presa in tempi non sospetti, quando in pochissimi si preoccupavano di valorizzare il territorio, quando prodotti e cucina a “chilometri 0” non erano ancora diventati di moda. E quando la moda passerà? Non è un problema che tange Mario Cornali, la sua cucina ha un feeling naturale con il territorio, non c’è stato bisogno di inventarselo. La soluzione ce l’ha in casa: rimanere se stesso. 

 

1

Articoli Simili
I più letti del mese
IL PERCHÉ DELLE ALBICOCCHE, FRUTTA DA NON SOTTOVALUTARE
Le albicocche sono frutti che ci accompagnano da tarda primavera sino a un buon tratto d’estate. Il colore giallo caldo che vira all’aranciato talvolta screziato o punteggiato di rosso è sicuramente invitante. Se raccolt... Leggi di più
ARCHITECTSPARTY 2017 GLI APERITIVI NEGLI STUDI DI ARCHITETTURA TORNANO A MILANO
ArchitectsParty 2017 gli aperitivi negli studi di architettura in Italia e in Europa tornano a Milano dal 21 al 23 giugno  Dal 21 al 23 giugno tornano a Milano gli ArchitectsParty, gli aperitivi negli studi di architett... Leggi di più
RITORNA PER UNA SERA A MILANO IL FILM CULT FREAKS
Ritorna a grandissima richiesta, solo il 24 luglio alle ore 21.30, Freaks, uno dei più famosi cult movie della storia del cinema. Un film controverso che quando uscì, nel 1932, scatenò aspri dibattiti e ancora oggi non m... Leggi di più
COLLIO MERLOT RUSSIZ SUPERIORE 2012
L’Azienda Russiz Superiore dal 1956 ha sede a Capriva del Friuli, nel Goriziano, anno in cui Marco Fellluga la fondò. Il padre Giovanni si era trasferito in Friuli negli anni Trenta, proveniente dall’Istria dove la famig... Leggi di più
MOSCATO ZEBO, TERRE SICILIANE INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
Soprattutto d’estate un aperitivo fresco, petillant, fruttato, dolce senza essere stucchevole ci mette nell’umore giusto per cominciare al meglio la serata. Zebo è un vino bianco aromatico che riproduce al me... Leggi di più
BRUNO QUERCI ENERGICOFORMA ALLA GALLERIA “A ARTE INVERNIZZI”
La galleria A arte Invernizzi inaugura martedì 21 novembre 2017 alle ore 18.30 una mostra personale di Bruno Querci, in occasione della quale viene presentato un percorso espositivo che, attraverso la compresenza di lavo... Leggi di più
EUROPA, DOVE LA QUALITÀ È DI CASA | I PRODOTTI ALTOATESINI (2/2)
Abbiamo detto qui  del focus tenuto sui vini altoatesini in occasione della campagna Europa dove la qualità è di casa finanziata con l’aiuto dell’Unione Europea, un evento che ha avuto luogo a Milano presso S... Leggi di più
Tagliolini con gamberi e carciofi alle due cotture
LE BACCHE FREDDE DEL SUD
Il Sud Italia non è solo terra di sole e mare, di tuffi infiniti tra vento caldo e brezza marina, nel profondo si nascondono zone impavide, di difficile conduzione, dove la coltura diventa imprevedibile perché bersagliat... Leggi di più
UN 2016 RICCO DI PREMI PER LA CANTINA CONTE COLLALTO
Dal Concours de Bruxelles al Merano Wine Festival fino alla lusinghiera valutazione del prestigioso Wine Spectator, un bilancio più che positivo per il marchio di Susegana che diventa ancora più internazionale.   Un 20... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.