25giu 2021
FIORE, CUCINA IN LIBERTÀ A LECCO
Articolo di: Dirce Bottardi

Se già pensavate che il bello ci salverà, dopo aver letto le prossime righe capirete che anche il buono è fondamentale.

 

Buono in tutti i sensi, perché a Lecco la storia di Fiore, cucina in libertà, rappresenta la bontà se assaggiamo un suo piatto o una sua pizza ma dal 2017 è anche un esempio virtuoso di rinascita che deve molto a La Fabbrica di Olinda, la cooperativa sociale attiva nell'ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini di Milano.
Perché si tratta di un bene confiscato alla criminalità organizzata oggi restituito ai cittadini che è stato rifondato secondo un progetto che aveva tre obiettivi: imprenditoriale, un ristorante cioè attento alla materia prima e alla sua lavorazione; sociale, con attività inclusive e di inserimento professionale, e da ultimo culturale per la promozione di eventi.

 

Situato all’ingresso di Lecco, lontano dal lungolago, il locale era di proprietà del boss della ‘ndrangheta Franco Coco Trovato e si chiamava Wall Street. Confiscato nel 1992 in seguito al suo arresto, nel 2006 l’immobile passa al Comune con l’intento di farne una pizzeria, che nel 2011 – insieme a Libera di Lecco – diventa il progetto di una pizzeria della legalità.

 

Tra il 2014 e il 2015 arriva la Regione Lombardia e vengono completati i primi lavori di ristrutturazione. L'anno successivo un bando ne assegna definitivamente la gestione a La Fabbrica di Olinda di Milano, ad Arci Lecco ed Auser Lecco.
Così quasi 20 anni dopo, uno spazio pressoché nascosto ai margini della città è stato trasformato dagli architetti Claudio Lopasso e Carlo Carbone con l’idea che il locale rinascesse visibilmente senza cancellare alcune tracce del passato difficile: ed è per celebrare questo che i cittadini di Lecco, invitati all'inaugurazione, hanno donato dei libri, simbolo di cultura e condivisione del sapere, come mattoni del nuovo locale, libri che sono stati poi disposti non su scaffali ma sulle pareti e sulle lampade (foto 1).

 

E a proposito di inclusione e di inserimento professionale, uno degli scopi di questo posto, va detto che la squadra di cucina e di sala è composta da 11 persone con provenienze ed esperienze diverse che insieme formano una squadra efficiente.

 

Ma veniamo alla cucina di Fiore che è guidata da Giorgio Antoniella - cuoco umbro formatosi sulla cucina italiana con trascorsi professionali internazionali di alto livello - e privilegia la stagionalità delle materie prime a la filiera controllata e spesso corta o prodotti in sintonia con la filosofia del ristorante, come quelli di Libera Terra.

 

Tutti ingredienti di mare e di terra centrali nella preparazione di pizze e focacce e piatti di cucina contemporanea con qualche concessione alla tecnica di preparazione (vasocottura), all'innovazione nei sapori (liquerizia nel salato) e ai profumi esotici (basilico nero tailandese) ma senza eccessi.

 

Dal menù si scopre che pizze e focacce convivono perfettamente con le altre pietanze e sono ideali per scoprirne i sapori: preparate con farina bio 1, lievito madre e lunga maturazione possono diventare un assaggio sfizioso e perfetto anche per la condivisione.

 

Da provare la focaccia con fiori di zucca ripieni di ricotta e zucchine, mozzarella fior di latte e alici di Sciacca. (foto 2); assaggiate anche quella con scapece di verdure come proposta vegetariana e vegana, preparata con pomodoro bio, zucchine, melanzane e peperoni arrosto alla menta (foto 3); o la focaccia alla tagliata di tonno rosso e sesamo nero, marmellata di cipolle di Tropea e capperi di Pantelleria (foto 4).
Se preferite, invece, partire dagli antipasti una scelta fresca e leggera è la tartare di gambero rosso di Mazara del Vallo al profumo di lime con avocado, mozzarella di bufala e granita di rucola su pan brioche (foto 5); così come è golosa il croccante di melanzane con crema di Parmigiano profumato al basilico nero (foto 6).

 

Gli altri piatti della carta offrono diverse opzioni, come tra i primi, il risotto al gambero di Sicilia con riso Carnaroli Tenuta Santa Margherita, mantecato con bisque di gambero rosso, tartare di gambero rosso, mozzarella di bufala, zucchine e zest di limone della Costiera Amalfitana (foto 7): inaspettamente il piatto meno convincente tra quelli provati forse per la difficoltà di legare insieme la decisa nota iodica della bisque con la mantecatura del risotto.
Merita, invece, una menzione speciale tra i secondi e l'intero menu la costina al nero di carré d'agnello al profumo di liquirizia con salsa di melanzane e pecorino, aglio nero e ventaglio di patate croccante che stupisce per l'azzeccata esplosione di sapori, la bontà della carne pré-salé (allevati nei pascoli normanni bagnati dalle maree che li arricchiscono di sale) con panure nera e croccante (foto 8).
Quattro opzioni di dessert chiudono il menu di Fiore che si completa con una breve carte delle birre artigianali e dei vini e con le etichette di Libera Terra e del territorio, come il San Giobbe Pinot nero, Terre Lariane IGT La Costa 2017 e Brigante, Terre Lariane IGT La Costa 2017.
Fiore - Cucina in Libertà

https://www.facebook.com/FioreCucinainLiberta/
https://www.instagram.com/fiore_cucinainliberta/
Aperto a pranzo e cena tutti i giorni tranne il lunedi'.
Coperti: 120 interni e 40 esterni
Pizze: solo la sera e nel weekend
Carte di credito: tutte tranne American Express e Diners

1

2

3

4

5

6

7

8

Photo Credits

Photo 2 : Brambilla Serrani
Photo 3 : Brambilla Serrani
Photo 4 : Brambilla Serrani
Photo 5 : Brambilla Serrani
Photo 6 : Dirce Bottardi
Photo 7 : Brambilla Serrani
Photo 8 : Dirce Bottardi
Indirizzo : Via Belfiore 1 Lecco
Telefono : 0341.1693609
Articoli Simili
I più letti del mese
CAPODANNO CINESE AL BON WEI
L’anno della Tigre consolida i legami tra la cucina cinese e l’Amarone della Valpolicella. Infatti, in occasione del capodanno cinese - nel 2022 in Cina inizia l’1 febbraio - che per il loro oroscopo è ... Leggi di più
MALCESINE, BORGO MEDIEVALE COVID FREE DOVE TRASCORRERE VACANZE TRA LAGO E MONTI
Malcesine (foto 1) è un borgo medievale di 3700 abitanti; si trova all’estremo nord della sponda veronese del Lago di Garda, al confine con Trentino e Lombardia. Il centro, che conserva l’impianto urbanistico... Leggi di più
A PANTELLERIA NASCE UN PASSITO COLLETTIVO, IL PASSITO DELLA SOLIDARIETÀ| DE BARTOLI
Quest’anno Pantelleria produrrà un esclusivo passito collettivo, il Passito della Solidarietà. De Bartolie Bartoli  è un nome più che famoso nell’ambito dell’enologia pantesca e marsalese, ma non solo p... Leggi di più
NON AVVOLGERE L’ARROSTO NELL’ALLUMINIO
La cucina è un luogo strano. Ci sono persone brillanti che in cucina perdono lucidità quasi che i fornelli resettassero la loro intelligenza. Per cui una persona dotata di buona logica, può finire per perderla tra padell... Leggi di più
LA SOSTENIBILITÀ ATTRAVERSO I VITIGNI RESISTENTI
Nasce la rete di imprese Resistenti Nicola Biasi, sei aziende agricole in sei territori diversi tra Friuli, Veneto e Trentino, guidate da Nicola Biasi, miglior giovane enologo d’Italia per Vinoway e Cult Oenologist... Leggi di più
GOLOSARIA WINE MILANO 23 APRILE 2022: 7 VARIAZIONI DI LAMBRUSCO
L’odierna edizione di Golosaria Wine ha visto la partecipazione di parte dei produttori della regione Emilia Romagna. Hanno presenziato cantine produttrici dei vini Lambrusco, Colli Bolognesi e delle Doc romagnole.... Leggi di più
TORNA IL MERCATINO DI NATALE ALTOATESINO ONLINE DI PUR SÜDTIROL
Un’esperienza di shopping unica per scoprire i sapori e i profumi dell’Alto Adige.   Torna la vetrina virtuale dove i produttori dell’Alto Adige possono presentare le proprie eccellenze. Tante le idee... Leggi di più
L’Aura Ronchi di Brescia IGT 2022, il rosato Noventa
Noventa è un’azienda vitivinicola con sede a Botticino, cittadina nel cuore dell’omonima zona vinicola Doc in provincia di Brescia.   Nata nel 1970, la cantina è proprietaria di 11 ettari vitati disposti a ... Leggi di più
L’ECOSOSTENIBILE NATURÆ GIN FRUCTETUM È IL MIGLIORE GIN ITALIANO?
Naturæ Gin  è un brand che produce gin ecosostenibili ispirati alla natura. Fondato a giugno 2021 da due amici appassionati di gin, Diego Sgarbossa, tecnico dei servizi della ristorazione, e Carlo De Filippo, perito agra... Leggi di più
INSALATA DI BACCALÀ, SEPPIA, NERVETTI E OLIVE DI GAETA
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.