08dic 2021
MACBETH INAUGURA LA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO ALLA SCALA
Articolo di: Laura Biffi

Milano è ripartita e con lei uno dei suoi simboli dell’eccellenza italiana nel mondo: il Teatro alla Scala, ieri sera ha debuttato, dopo l’assenza del dicembre 2020, la serata inaugurale, con l’opera verdiana di Macbeth tratta dall’omonima tragedia di Shakespeare.

 

L’opera è ambientata in Scozia ed inizia con l’incontro tra l’uomo e il mondo della magia. Nei boschi scozzesi, nebbiosi e bagnati da un temporale risuona l’eco della profezia di alcune streghe fatta a Macbeth al ritorno dalla battaglia: “All Hail Macbeth that shalt be king hereafter”. Macbeth sarà re e il verdetto esoterico inizia ad avverarsi presto, quando i messaggeri del re Duncano ne annunciano l’elezione a Signore di Cawdor. La moglie, Lady Macbeth travolta da smania di potere convince il marito ad uccidere quella stessa notte il re Duncano ospite nel loro castello, mentre Malcom suo figlio fugge nella vicina Inghilterra; Macbeth è diventato finalmente re.

 

Non gli resta, quindi, che uccidere Banco e suo figlio per sventare l’avverarsi della seconda parte della profezia e così accade, ma il giovane riesce a sottrarsi alla morte. I tormenti psicologici di Macbeth diventano sempre più inquietanti, anche a causa dell’apparizione dello spirito di Banco durante una festa, decide allora di interpellare nuovamente le streghe sul suo futuro. Il responso è fosco: nessun uomo nato da una donna potrà sconfiggerlo e la sua potenza non cesserà finché forze provenienti dalla foresta di Birnam non si scateneranno contro di lui. In un susseguirsi di sensi di colpa e di angosce psicologiche ed emotive Macbeth stermina la famiglia del suo nemico Macduff mentre Malcom, figlio del defunto re Duncano, raduna un esercito che muove dalla foresta di Birnam contro il suo regno. Lady Macbeth in un delirio di follia e sonnambulismo muore confessando le sue atrocità, mentre Macbeth sarà ucciso in battaglia dallo stesso Macduff.

 

Il Macbeth è un incubo, è la discesa all’inferno dell’animo umano, l’ attrazione verso il male assoluto che annebbia la mente in due esseri privi di qualunque forma d’amore e di empatia. E’ la rappresentazione del potere, della sua ascesa e del suo inesorabile declino, la sua forza e le sue ombre. E’ la terza opera di Verdi giovane, unica nel percorso del compositore, ne rappresenta una vetta di qualità, un dramma con caratteristiche uniche come l’importanza del fantastico incarnato dalle streghe e dagli spiriti, tanto cari a Shakespeare, che in un contesto di opera italiana espressa soprattutto nei risvolti storici rappresenta un’eccezione. E’ inoltre un dramma totalmente privo d’amore, che è invece da sempre l’ingrediente cardine delle opere; nel Macbeth non c’è pietà, né compassione. L’opera verdiana permette allo spettatore di scendere negli abissi del male e guardare da vicino le pulsioni peggiori dell’essere umano ed è proprio affrontando il Macbeth che Verdi ritrova se stesso, intraprende cioè un percorso che gli lascerà delle costanti che perdureranno per tutta la sua carriera come il connubio del sublime con la brevità in cui il detto in poche parole è utilizzato per esprimere maggiore forza ( famose erano infatti e richieste di Verdi di “stile conciso e nessuna parola inutile” al librettista Francesco Maria Piave proprio per rendere la potenza del dramma ), o la ricerca di parole dettagliate ed eloquenti per poter definire con maggior concisione l’animo umano. Infine le cosiddette “posizioni drammatiche”, quelle scene forti, capaci di catalizzare l’attenzione e rendere il successo di un’opera che in Macbeth trovano l’apice nella scena finale del sonnambulismo di Lady Macbeth in un delirio notturno di atrocità e folli crudezze.


La regia della Prima scaligera è affidata a Davide Livermore che sceglie di rappresentarla come un incubo contemporaneo per le tematiche riscontrabili anche nella nostra attualità, un racconto della catastrofe della nostra società non attraverso la cronaca ma attraverso un altrove: l’arte. L’opera è contestualizzata all’interno del labirinto delle grandi metropoli, con ampi riferimenti architettonici come l’omaggio all’ architetto milanese Piero Portaluppi, grandi città in cui le prospettive si moltiplicano e riflettono come nel film Inception di Christopher Nolan. La direzione musicale è affidata al Maestro Riccardo Chailly che si è oltremodo concentrato su una ricerca timbrica dai colori cupi e sinistri, soprattutto per il personaggio di Lady Macbeth interpretato dalla celebre soprano Anna Netrebko proprio per rendere le ombre di una psiche drammatica dalla volontà omicida. La versione scelta per l’interpretazione è quella francese del 1865 ma viene recuperata la morte di Macbeth sul finale dalla versione fiorentina del 1847 in omaggio alla voce del baritono Luca Salsi grande fuoriclasse del repertorio verdiano che impersona Macbeth.

1

Articoli Simili
I più letti del mese
RIGONI DI ASIAGO HA PRESENTATO ALLA STAMPA DUE NUOVE FIORDIFRUTTA
Rigoni di Asiago ha presentato alla stampa nel locale milanese Naturalmente a Milano  di via Buonarroti 15 due nuove Fiordifrutta  Mandarino e curcuma (foto 2) e Sambuco e fiori di sambuco (foto 3).   Entrambi utilizza... Leggi di più
IL BUONO IN TAVOLA: IL CALENDARIO DI MAGGIO. SI PARTE CON IL PRIMO
21 maggio 2018, aggiornamento: Il Buono in Tavola, farmers’ market con il meglio della produzione agricola lombarda, da martedì 22 Maggio si sposterà dal parcheggio antistante la Basilica alla via sulla destra del... Leggi di più
CASCINA CUCCAGNA: LA NATURA A PASSO D’ASINO
Una giornata in Cascina Cuccagna con asinelli e cavallini in miniatura per la gioia di ogni bambino! Domenica 6 maggio 2018, dalle 10 alle 19:30 Cascina Cuccagna - Milano Domenica 6 maggio 2018, dalle 10:00 alle 19:30 ... Leggi di più
VENERDì 8 SETTEMBRE INAUGURAZIONE DEL NUOVO ANTEO PALAZZO DEL CINEMA
Grande attesa a Milano non solo da parte dei cinefili, ma di tutti gli abituali e futuri frequentatori del Cinema Anteo per l’inaugurazione di venerdì 8 settembre del Palazzo del Cinema di Piazza XXV Aprile. Dall&r... Leggi di più
MU DIMSUM CELEBRA IL CAPODANNO CINESE CON UN MENÙ SPECIALE
MU dimsum  il ristorante cinesedi cui abbiamo detto qui, insieme ai cinesi di tutto il mondo, è pronto a festeggiare il Capodanno cinese, che quest’anno cade il 25 gennaio e apre l’Anno del Topo.   È la fes... Leggi di più
DONNAVVENTURA, LE PRUGNE CALIFORNIANE E COME TENERSI IN FORMA NEL TEMPO DI COVID-19
E’ da sottolineare quello che possono fare per le donne le prugne che arrivano dagli Stati Uniti perché il Consorzio delle Prugne della California è stato il fornitore ufficiale del format “Donnavventura&rdqu... Leggi di più
LE QUATTRO NUOVE BIRRE DEL BIRRIFICIO DELLA GRANDA
Dal 20 agosto sarà possibile acquistare l’intera collezione di lattine Granda: vendute singolarmente e in box da 12 o 24 birre, tutte da gustare e collezionare.Dopo il successo della manifestazione online, Cyberbee... Leggi di più
HEAVEN PREMIATO CON IL SUPERIOR TASTE AWARD 2020
Una giuria internazionale di chef e sommelier ha conferito a Heaven il premio annuale indetto dall’International Taste Institute  A pochi mesi dal lancio, Heaven avenatte “barista” riceve un riconoscim... Leggi di più
MANGIA MEGLIO E VIVI A LUNGO CON SERAFINA PETROCCA
Quale momento migliore per ripensare alla propria alimentazione, se non questo, dopo la maratona gastronomica delle feste? La motivazione può essere riprendere a digerire meglio, il desiderio di perdere un paio di chili ... Leggi di più
DA AIMO E NADIA CON THEATRUM DEI SAPORI LA CUCINA ENTRA IN SALA
Abbiamo già scritto qui del recente restyling del ristorante Il Luogo di Aimo e Nadia dove parlammo del Theatrum dei Sapori, una cucina in sala. Dalla foto del Theatrum che pubblicammo (foto 2) si può vedere come il tavo... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.