19feb 2019
RISTORANTE COLLINA DI ALMENNO TRA TERRA E ACQUA
Articolo di: Fabiano Guatteri

Il Ristorante Collina si trova nel comune di Almenno San Bartolomeo sulle Prealpi Orobiche, a nord ovest di Bergamo da cui dista una dozzina di chilometri. Staccato dalla cittadina, il ristorante dimora in un edificio a due piani che guarda verso la sottostante pianura bergamasca. Del patron e cuoco, Mario Cornali, abbiamo scritto qui

 

Il ristorante è costituito da ambienti compositi: da una parte un fumoir caldo e raccolto reso ancora più accogliente dal camino che suggerisce atmosfere d’antan; dall’altra due sale, entrambe ampiamente vetrate, con arredi essenziali che comunicano modernità... e il pianoforte a code nella sala principale ha un suo perché (foto 2). La cucina è a vista, a porre l’accento sul côté contemporaneo. Il ristorante esiste da più generazioni. Era un chiosco aperto dai nonni di Mario Cornali, poi divenne una balera, una locanda, una trattoria per la gente del posto e l’esprit della tradizione è stato ereditato dall’attuale generazione, con gestione sempre familiare.

 

Come l’ambiente si è trasformato nei decenni, anche, la tradizione ha seguito una proprio percorso evolutivo attualizzandosi, o entrando nel cuore di alcuni ingredienti per valorizzarli. La tradizione, in ogni caso, suggerisce i piatti terragni, mentre pare dileguarsi quando a tavola arriva l’altra anima del locale con i piatti di pesce lacustre. Mario Cornali, più volte alla settimana va dal “suo” pescatore di fiducia che gli procura il pesce del ramo lecchese del Lago di Como, mentre il salmerino di Preore lo acquista da un allevatore in Trentino. Una scelta audace proporre pesce di lago mentre i palati più comuni non vanno oltre al pesce di mare che è in genere più “facile” da proporre.

 

Ovviamente non cadiamo nella superficiale e un po’ grossière stoltezza di ritenere che uno sia meglio dell’altro, giacché ci limitiamo a costatarne la diversità. Quello che notiamo nei piatti è che sono in buona parte ragionati, dove ogni ingrediente viene messo per sposarne o equilibrarne un altro: la nota acida si intreccia con la componente grassa o molto saporita e quella intensa fa da contrappunto alla preparazione che merita di essere animata...


Ma veniamo ai piatti.

 

Il primo è il Risotto alla milanese (foto 3) in stile amuse-bouche. Qui il cuoco si è divertito tra simulazioni e scomposizioni. L’ingrediente che riempie il piatto non è il risotto, ma una crema d’uovo allo zafferano; il riso è rappresentato da qualche chicco soffiato, e il midollo non manca. E il Grana o il Parmigiano Reggiano? C’è ed è una crema divenuta crocchetta. Non si può definire trompe-l’oeil, ma che il gioco di colori voglia ingannare l’occhio è certo.

 

Il Carpaccio di salmerino di Preore, Agrì e mandarino (foto 4): sono il formaggio fresco Agrì e il mandarino a vivacizzare una portata dal gusto nobile, equilibrato, morbido, senza coprirne il sapore timido.

 

La Lingua morbida e croccante su crema d’erbe, scorzonea, aceto balsamico e olio di semi di zucca (foto 5), è un piatto assoluto; è una delle portate che entra nel cuore dell’ingrediente. E’ uno dei piatti che ci ha maggiormente convinto proprio per la semplicità, l’essenzialità, la decisione di mettere al centro dell’attenzione un unico ingrediente protagonista; viene servito un cubo di lingua di vitello bollita, non insulse fettine, così che si possa soddisfare sicuramente il palato grazie al sapore che non si fa pregare, ma permette soprattutto di godere della consistenza: va addentata senza tagliarla a piccoli pezzi, va sentita cedere tra i molari e da lì rilasciare il sapore.

 

A proposito di piatti ragionati: Risotto di nero venere, salsa di spinaci e fondente di missoltino (foto 6). Il riso venere essendo integrale non è adatto alla preparazione dei risotti in quanto non rilascia l’amido sufficiente. Ecco però trovato un donatore forte e generoso, il Carnaroli che adeguatamente cotto e ridotto in crema permette al venere di mantecarsi e lasciarsi meglio insaporire dal fondente di missoltino, ossia l’ agone del lago di Como salato, essiccato, tanto per non dire umami.

 

Ragionati anche i Ravioli di brasato di cervo, Branzi, lampone e cioccolato (foto 7), dove quest’ultimo costituisce il primo assaggio e prepara il palato al sapore di selvaggina e lo spunto acido del lampone modera e disciplina l’intensità della persistenza.

 

Una porta sull’orto (foto 8) è un piatto “riposa gusto” che qui si ricompone: oltre alle verdure e a qualche tocco di frutta vi è una crema allo zenzero per rendere più intrigante la preparazione e per ampliare il repertorio di consistenze ecco una spugna all’alloro, a base di panna e broccoletto frullati, sifonati e cotti.

 

Quel ramo del lago di Como che volge ad... oriente (foto 1  video 9), una zuppa di pesce di lago, ossia trota, pesce persico, luccio e luccioperca, in bisque di crostacei; convince per delicatezza e garbo; è una portata ordinata, dal gusto smussato, rotondo, di buona agilità, dove le note morbide si intessono con gli accenni di sapidità.

 

Lumache ceci e sugo d’arrosto (foto 10) è un piatto del territorio: alle lumache, e ai ceci in crema, si unisce un preziosismo dato dalle sfoglie di ceci che fanno il proprio lavoro fornendo un tocco crunch per non rischiare una monotonia di consistenza e fornire sonorità.


La Guancia di vitello lenta cottura, bligocc e Islay Scotch whisky (foto 11) è il trionfo dell’umami. La consistenza è piacevolmente cedevole, sostenuta dalla densità compatta delle castagne secche leggermente affumicate, dette localmente blicocc. E’ il miglior modo per concludere la sfilata di piatti salati, una portata impattante senza salse che vogliano attenuarne la forza: sapidità e note umami, grazie anche all’whisky torbato, trionfano sulla dolcezza delle castagne e definiscono la preparazione.


Agrumeto (foto 12). Sarebbe da filmare l’esecuzione di questo piatto che viene costruito direttamente al tavolo su un foglio di carta da forno. Come il pittore dipinge la tela così lo chef spezza sul suo quadro un tortino al limone, poi gli affianca a pezzetti, a pennellate e a spruzzi spuma di mandarino, coulis di clementine, crema pasticciera, pomata d’arancia, bergamotto candito, ruota di arancia essiccata, polvere di buccia d’arancia, cedro... è un quadro da odorare: il profumo degli agrumi aleggia mentre un tripudio di sapori dolci e freschi trastulla il palato. In questo piatto notevolmente variegato, l’armonia non manca: è la famiglia degli agrumi declinata in tante preparazioni compite che non stonano né ostentano nel loro dialogare.

 

La conclusione.

Non abbiamo voluto definire questa cucina in quanto non va definita né vuole esserlo; abbiamo pertanto preferito raccontarla. Molto di questi piatti valgono il viaggio, in particolare la lingua, la zuppa di pesce, la guancia e, perché no, agrumeto. Va ancora detto che la tavola è apparecchiata con pani prodotti con diverse farine, e con una focaccia troppo buona.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

Indirizzo : via Capaler 5 Almenno San Bartolomeo
Telefono : 035.642570 328.3255830
Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATINO DEL RI-USO IN TOUR, DOMENICA 2 GIUGNO A TRAVACÒ SICCOMARIO
Cultura del Ri-Uso e festa per celebrare i 10 anni de Il Girasole: alle porte di Pavia domenica di festa all’insegna del flower power e della sostenibilità. Woodstock alle porte di Pavia, nei pressi del Ponte Cope... Leggi di più
ECHI DI FRANCIA: CÔTES DES ROSES DI GERARD BERTRAND IN ITALIA CON VALDO
Côte des Roses di Gérard Bertrand  è il simbolo dell’art de vivre nel sud della Francia, fa parte di una realtà enologica con un fatturato di 175 milioni di euro ed è distribuito in oltre 110 Paesi nel mondo. Impor... Leggi di più
LE PIZZE D’AUTORE DI LIEVITÀ VETRA: PIZZE GOURMET AD ALTA DIGERIBILITÀ
Il marchio Lievità,  che conta cinque locali a Milano, ha recentemente aperto una nuova pizzeria in Piazza Vetra sotto il porticato del Vetra Buinding.     Le pizze   La pizzeria, come le altre del brand, si qualifi... Leggi di più
TORNA VIN-o-TON: MUSICA CLASSICA ALLA TENUTA ALOIS LAGEDER
In anteprima sarà presentata l’opera della compositrice olandese Mathilde Wantenaar (foto 1), "Songs of Transience".   Il concerto si inserisce in un più ampio programma che vedrà intrecciarsi musica, vino e cibo... Leggi di più
Don Papa Experience Lab
È il tema Materia Natura ad aver convinto Don Papa il Rum filippino (foto 1) a partecipare per la prima volta al Fuorisalone 2024 creando un’oasi dove natura, design, arte, sapore, musica si intersecano in un&rsquo... Leggi di più
Cinque Calici di bollicine per brindare a Pasqua
Le bollicine non hanno stagione, sono sempre adeguate e gradite in ogni periodo dell’anno. Ma vi sono alcune occasioni in cui diventano imprescindibili, soprattutto nei momenti celebrativi, per festeggiare un event... Leggi di più
CENA AL MUSEO ARRIVA A “LEONARDO & WARHOL. THE GENIUS EXPERIENCE”
Cena al museo. Una speciale Cena all’interno della prima mostra immersiva con opere originali.  A partire dal 15 Marzo, ogni weekend, speciali Cene al Museo all’interno di “Leonardo & Warhol. The Geniu... Leggi di più
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021 Si ini... Leggi di più
CALDO FREDDO DI PENNE AL NERO E CRUDITÀ DI CALAMARI E GAMBERI
Colline Albelle: l’interpretazione del vino di Julian Reneaud
Colline Albelle  è una giovane azienda toscana con sede nel comune di Riparbella, borgo medievale in provincia di Pisa, nata dall’incontro di Julian Reneaud (foto 1), agronomo ed enologo, con due produttrici di vin... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.