04apr 2020
DEGUSTAZIONE VIRTUALE DEI VINI ORLANDO ABRIGO | BARBARESCO, NEBBIOLO, LANGHE
Articolo di: Fabiano Guatteri

Di fronte alla lontananza sociale che impone il coronavirus, fruitecom, dinamica agenzia di comunicazione emiliana, ha organizzato una serie di incontri/degustazioni  "virtuali" per permettere l’incontro tra realtà viticole e stampa di settore. Pertanto, grazie a una piattaforma, produttori e giornalisti si sono incontrati virtualmente per degustare alcuni vini già forniti ai giornalisti partecipanti. Per quanto pensassimo che potesse essere un incontro freddo, staccato, abbiamo constatato con piacere che il vino favorisce il dialogo anche quando gli attori sono lontani. Questa formula da remoto potrebbe essere ripresa anche quando non ci sarà più l’emergenza in atto.

 

Abbiamo partecipato alla degustazione di alcune etichette della cantina Orlando Abrigo, di Treiso d’Alba, nelle Langhe, di proprietà della famiglia Abrigo che si occupa di viticoltura da più generazioni..

 

Presenti Gianni Abrigo, in rappresentanza dell’azienda, insieme con Mario Ronco l’enologo . Moderatore dell'appuntamento l’esperto e giornalista Pierluigi Gorgoni, che ha commentato i vini in degustazione fornendo per ciascuno una chiave di lettura chiara e coinvolgente.

 

Gianni Abrigo entra nell’azienda di famiglia nel 1988. Appassionato di viticoltura francese, conclude gli studi di enologia e inizia a collaborare col padre Orlando. Nell’arco di trent'anni, oltre a estendere la proprietà da 3 a circa 20 ettari vitati, Gianni apporta sostanziali cambiamenti e miglioramenti tecnici in cantina. Oggi l’azienda di Treiso produce Barbaresco, Barbera d’Alba, Dolcetto d’Alba, oltre a vari vini a denominazione Langhe Doc.

 

L’azienda si pone al servizio dell’uva. Il lavoro in vigna è, come dovrebbe sempre essere, la fase lavorativa più importante. Come vedremo, talvolta i filari sono così fitti da non permettere il passaggio di trattori, e i pendii spesso scoscesi, da richiedere necessariamente una lavorazione manuale. Alla raccolta delle uve seguono vinificazioni separate con periodi di macerazione spesso prolungati che possono superare il mese. La politica aziendale è sempre quella di valorizzare la specificità delle uve di ogni singola annata. Come in cucina saper cucinare in modo da valorizzare, anziché deprimere, il sapore originario del cibo è da pochi e per pochi, così la cantina vuole produrre vini dove la mano dell’uomo si senta appena perché sia l’uva, e quindi il vino, a parlare, a esprimere l’identità del territorio. Il terreno in cui radicano le viti ha similitudini con quello di alcune zone del Barolo come per esempio Serralunga d’Alba. E’ un terreno vocato alla produzione dei vini di grande longevità dell’azienda, di notevole tensione gustativa, tendenzialmente verticali, dotati di tannini anche mordaci. La composizione, che vede ricchezza di marne, è la terra che conferisce finezza. L’esposizione dei terreni ha sempre come punto cardinale costante il sud (sud-est, sud-ovest)

 

I vini

 

Riserva Barbaresco DOCG Rongalio 2013 (foto 2)
Rongalio è un appezzamento posto circa a 380 metri di altitudine ed è stato diviso, rispetto alle caratteristiche del terreno, in tre fasce, una alta, una centrale, e una bassa (figura 3); ciascuna fascia è vinificata separatamente.
La 2013 è un’annata tra le più felici del nuovo millennio. E’ stata controversa per via del tempo non sempre stabile, ma con un settembre molto favorevole, caldo e con marcate escursioni termiche tra il dì e la notte. La maturazione fenolica è stata perfetta e la raccolta è avvenuta a metà ottobre. La macerazione delle uve nebbiolo della sottovarietà lampia si è protratta per 35 giorni in vinificatori che permettono di controllare la temperatura e l’estrazione dei tannini e degli antociani per mezzo di délestage, una tecnica di lavorazione del pigiato che permette di ottimizzare gli scambi tra la fase liquida e la fase solida nel corso della macerazione. Il vino è affinato 24 mesi in botti di rovere di 25 hl, quindi 12 mesi in bottiglia. Prodotto unicamente nelle migliori annate, Rongalio possiede colore rubino con riflessi granati aranciati. Al naso si colgono sentori floreali di viola e fruttati di prugna, quindi si liberano profumi balsamici di melissa, di menta. In bocca si coglie la piena maturità, una perfetta tensione con tannini che inizialmente focalizzano l’attenzione, senza essere però aggressivi e comunicano sapore asciutto; seguono ricordi boschivi, sottobosco, legno aromatico, liquirizia, agrumi e cardamomo quindi emerge, irrompe il carattere balsamico mentolato che prende in ostaggio il gusto. Il tannino lascia supporre quanto potrà essere longevo questo vino dal lungo finale che già ora è maturo e appagante.


Barbaresco DOCG Montersino 2016 (foto 4)
Mentre Rongalio nasce da un unico appezzamento suddiviso in tre aree, Montersino è prodotto con le uve nebbiolo sottovarietà lampia di tre diverse parcelle (fig  5) e possiede una personalità completamente diversa. Come Rongalio in bocca entra chiuso e poi si apre, così Montersino è subito un’esplosione di note fruttate e floreali quindi lascia spazio a sentori minerali, sapidi. E’ prodotto vinificando separatamente le uve delle singole parcelle. Dopo la pigiatura il mosto macera sulle bucce per circa 20-25 giorni a una temperatura massima di 30 °C. Non sono utilizzati lieviti selezionati ma solo flora indigena. Il vino è poi affinato in piccole botti (foto 6) per 18 mesi e affina in bottiglia 12 mesi. Il colore è rosso rubino tendente al granato. Il profumo è fruttato, con sentori di prugna e di ciliegia di violetta con evidenti nuance speziate soprattutto di vaniglia.

 

Nebbiolo d’Alba DOC Valmaggiore 2017 (Anteprima) (foto  7)
Il cru Valmaggiore si trova nel comune Vezza d’Alba a 240 metri di altitudine, ed è uno dei più ambiti del Roero. Forte pendenza, filari fitti fanno si che tutte le lavorazioni siano effettuate manualmente. Le uve, nebbiolo della sottovarietà lampia, sono sottoposte a pigiatura soffice, quindi macerano 6-10 giorni a non oltre 28 °C. Il vino ottenuto affina in botti di rovere di Slavonia di 25 hl per 12 mesi e altrettanto tempo in bottiglia. Alla degustazione il colore è rubino non molto carico dovuto alla natura sabbiosa del terreno. Il profumo è elegante con sentori floreali di viola e di rosa e di piccoli frutti di bosco e di rovo. In bocca l’ingresso è fine, lieve, sottile, quindi diventa ampio con note fruttate e floreali molto concentrate; la trama tannica è fitta, quasi graffiante rispetto agli altri vini; finale sapido, minerale, persistente.

 

Langhe DOC Très Plus 2012 (foto  8)
Da uve chardonnay (87%) e nascetta (13 %) vinificate separatamente. La nascetta è un’uva bianca originaria delle Langhe recentemente riscoperta. Le uve pigiate sono sottoposte a criomacerazione per 4-6 ore, quindi, dopo la separazione dalle parti solide i soli mosti fermentano in acciaio a temperatura controllata. Lo Chardonnay termina la fermentazione in barrique e continua ad affinare per 12 mesi senza travasi mentre la Nascetta matura per lo stesso tempo sui propri lieviti in acciaio. I vini sono quindi assemblati, imbottigliati dove proseguono l’affinamento per 8 mesi. La bottiglia in degustazione appartiene al progetto Tempo, viene invecchiata in cantina per 5 anni ed è riconoscibile perché sigillata con ceralacca. Il 2012 degustato, possiede color giallo intenso con riflessi dorati. Al naso si percepiscono sentori fruttati, di fiori essiccati, nuance agrumate e ricordi di macchia mediterranea. In bocca rivela buona struttura, freschezza, sfumature agrumate, sapidità e contenute note tostate.

1

2

3

4

5

6

7

8

Indirizzo : Via Cappelletto 5 Treiso d'Alba
Telefono : 0173.630533
Articoli Simili
I più letti del mese
MORELLINO DI SCANSANO DOGA DELLE CLAVULE
L’Azienda Doga delle Clavule si estende nella zona di produzione del Morellino di Scansano su una superficie di oltre 130 ettari dei quali 60 vitati: 20 per la produzione del Morellino di Scansano DOCG, 7 per il Bi... Leggi di più
FLO IN CONCERTO A MARE CULTURALE URBANO
Torna in concerto a mare culturale urbano, il centro di produzione culturale in via Giuseppe Gabetti 15 a Milano, dopo il live di settembre 2016, la cantautrice partenopea FLO, che si esibirà con la sua band il prossimo ... Leggi di più
L’APERITIVO A MILANO SI TINGE DI GIALLO GIALLE&CO.-BAKED POTATOES DAL CUORE ITALIANO
Da Giallo&Co. l’aperitivo a Milano si tinge di giallo. La tipica baked potatoes inglese è perfetta anche (in formato mignon) per un aperitivo all’italiana: salutare, ricco e colorato, disponibile da febbraio,... Leggi di più
WAGASHI, L’ARTE DELLA PASTICCERIA GIAPPONESE
L'wagashi, ossia la pasticceria giapponese, differisce da quella occidentale nella forma e nella sostanza. A spiegarcelo è la chef pasticcera Satomi Fujita, accompagnata dal maestro Yoshikazu Yoshimura in una dimostrazio... Leggi di più
TEATRO MENOTTI CASA DI BAMBOLA HENRIK IBSEN
Una grande interprete come Valentina Sperlì per il capolavoro di Ibsen. Una lettura moderna e visionaria.Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale Presenta: CASA DI BAMBOLA Henrik Ibsen dall’1 a... Leggi di più
BRERA: INAUGURATO IL SESTO DIALOGO "ATTORNO AGLI AMORI. CAMILLO BOCCACCINO SACRO E PROFANO"
Brera continua a stupire. Dallo scorso 29 marzo 2018, hanno riaperto al pubblico i saloni napoleonici della Pinacoteca con lo straordinario allestimento di sette nuove sale (VIII – IX – X – XI – X... Leggi di più
ILLY CAFFÈ, DOVE PRENDERE UN APERITIVO IN VIA MONTE NAPOLEONE
Via Monte Napoleone è il cuore dello shopping griffato; signore bene, chi lavora nella city e frotte di turisti la animano da mane a sera, ma quando i negozi abbassano la “clèr”... si spopola, al contrario di... Leggi di più
FONDAMENTALI&QUALI: CIPOLLE, SCALOGNO TRITATI IN VASETTO DI VETRO
Dopo il successo della prima cipolla colta, lavata e tagliata, l’innovativa linea Fondamentali&Quali della Centrale del Latte d'Italia, si arricchisce di due nuove referenze: la Cipolla Rossa e lo Scalogno. Tutti i... Leggi di più
LE TANTE PROPOSTE DELL’ACQUARIO DI GENOVA | IL PICCOLO PESTO
Sono tornata recentemente all’Acquario di Genova per una festa di compleanno per bambini che prevedeva un interessante e simpatico tour dietro le quinte, o meglio, dietro alle vasche che mi ha fatto venir voglia di... Leggi di più
NUOVE VOCI 2018 GIOVANI STORICI DELL’ARTE AL MUSEO BAGATTI VALSECCHI
Giovani storici dell’arte dall’Università degli Studi di Milano  al Museo Bagatti Valsecchi. Come da tradizione il Museo Bagatti Valsecchi torna ad accogliere il ciclo di conferenze Nuove Voci, oramai alla se... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.