07dic 2019
MILANO, TOSCA E LA PRIMA DELLA SCALA STELLATA
Articolo di: Laura Biffi

Sarà Tosca ad aprire stasera la stagione 2019-2020 del Teatro alla Scala di Milano, un successo che sembra già preannunciato dal tutto esaurito della Prima e delle repliche di dicembre. Attesi numerosi volti illustri dell’editoria, della finanza, dell’economia e della politica italiana che sfileranno nel foyer; il palco reale addobbato per le grandi occasioni ospiterà oltre al sindaco di Milano Beppe Sala, il Presidente della Repubblica Mattarella e la Ministra dell’Interno Luciana Lamorgese. La Prima di Tosca verrà dedicata a Paolo Grassi, sovrintendente del Teatro alla Scala dal 1972 al 1977 e sarà anche l’ultimo atto dell’era del sovrintendete Pereira, che si traferirà al Maggio Fiorentino lasciando il suo posto al francese Dominique Meyer.

 

Diretta da Riccardo Chailly, con regia di Davide Livermore ha un cast che si attendeva da tempo: la soprano Anna Netrebko, il tenore Francesco Meli nel ruolo di Cavaradossi e il baritono Luca Salsi in quello del Barone Scarpia. Tosca è un’opera lirica in tre atti di Giacomo Puccini su libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa tratta dal dramma omonimo di Victorien Sardou. E’ il melodramma simbolo del compositore lucchese, ambientato a Roma nell’estate dell’anno 1800 in un clima di tensione in cui si mescolano amore, passione, pathos politico e sangue in seguito agli avvenimenti rivoluzionari in Francia e alla caduta della prima Repubblica Romana. Rappresentata per la prima volta al "Teatro Costanzi" di Roma il 14 Gennaio 1900 la versione della Prima Scaligera comprenderà otto passaggi inediti frutto di modifiche dello stesso Puccini.

 

Come da copione, calato il sipario seguirà la cena di gala, organizzata dal Caffè Scala, riservata a 500 selezionatissimi invitati che si riuniranno nelle sale della Società del Giardino addobbate in stile napoleonico in omaggio a Tosca con velluti color carta da zucchero e indaco, decorazioni floreali di Tea Rose e per la mise en place, tovaglie ricamate, piatti dell’antica collezione di Richard Ginori e posate d’argento fiorentino.  Il menù di quattro portate sarà firmato dallo Chef Enrico Bartolini, fresco della terza stella Michelin per il suo ristorante al Mudec di Milano ( ne abbiamo parlato qui ) e si aprirà con un antipasto della tradizione toscana, terra di origine di Puccini, a base di minestra di cavolo nero e piccione, seguito da ceci, seppioline e cacciucco, un classico versiliano. Il primo, riprenderà una delle creazioni storiche dello chef, il risotto con rape e gorgonzola ribattezzato Omaggio a Cavaradossi e sarà seguito da una Tenerezza di vitello con millefoglie di funghi e patate. Il finale in dolcezza prevede un gelato al cioccolato fondente e zabaione al rum servito su un albero di arance e fondente. Nei calici le bollicine di Bellavista Franciacorta partner da 15 anni del Teatro alla Scala che dedica il Brut Millesimato ogni anno alla stagione teatrale, quest’anno è la volta del Brut 2014.

 

Anche chi non sarà tra i fortunati 500, potrà comunque allietare la serata con una cena degna di una Prima, il gotha della gastronomia stellata milanese è, infatti, tutto a pochi passi dal teatro: in Piazza della Scala il ristorante Trussardi alla Scala ( 1 stella Michelin ), Il Foyer, voluto da Gualtiero Marchesi e Vòce il bistrot di Aimo e Nadia, verso Piazza Duomo: Cracco ( 1 stella Michelin ) con il bistrot e il ristorante stellato nelle meravigliose sale al primo piano con vista in Galleria Vittorio Emanuele, segue Vùn all’hotel Park Hyatt ( 1 stella Michelin ) e lo storico Ristorante Savini. In direzione Via Manzoni i due pilastri della tradizione meneghina Don Carlos e Don Lisander, il ristorante Armani, segue poco distante Seta by Antonio Giuda all’interno dell’ hotel Mandarin Oriental ( 1 stella Michelin ) e il ristorante La Veranda nelle sale dell’ hotel Four Seasons ( 1 stella Michelin ). 

1

Photo Credits

Photo 1 : Marco Brescia e Rudy Amisano
Articoli Simili
I più letti del mese
OAD E LA CLASSIFICA 2021 DEI 150 MIGLIORI RISTORANTI EUROPEI
Opinionated About Dining (OAD), la piattaforma globale di recensioni di ristoranti diSteve Plotnicki che celebra il meglio del talento culinario mondiale, ha annunciato lasua attesa classifica dei migliori ristoranti eur... Leggi di più
BIANCO SICILIA DOC 1934 CVA CANICATTÌ
Abbiamo degustato Bianco Sicilia doc 1934, bianco della CVA Canicattì, vino di cui non è la prima volta che parliamo in quanto l’abbiamo selezionato come bianco adatto anche ad accompagnare anche piatti di carne co... Leggi di più
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenie... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.