17mag 2019
A PROPOSITO DEL NEGRONI E DEL SUO CENTESIMO ANNIVERSARIO
Articolo di: CityLightsNews

Era probabilmente una bella mattina calda e soleggiata di primavera del 1919, il Paese si era appena ripreso dai lutti della Grande Guerra e della Spagnola, quando il Conte Negroni affascinante ed elegante esponente dell’alta società fiorentina colta e cosmopolita di Firenze entrato nel Caffè Casoni avvertì il barista Fosco Scarselli che voleva cambiare il suo solito aperitivo: l’Americano. Gli chiese di sostituire il seltz con una spruzzata di gin in ricordo di un piacevole soggiorno a Londra. Il barista di suo aggiunse una fetta di arancio come decorazione.

 

Il conte apprezzò così tanto che terminato il primo ne ordinò ancora e ancora. Il suo amore per la buona vita e per la buona tavola portò i suoi concittadini e suoi amici e conoscenti italiani e stranieri a imitarlo e in breve tempo divenne uno degli aperitivi più amati e ordinati a livello mondiale.
In quel caffè di via Tornabuoni i clienti chiedevano l’Americano al modo del Conte Negroni, poi semplificarono chiamandolo l’aperitivo di Negroni e infine diventò il Negroni.
Tre sono gli ingredienti che in parti uguali lo compongono: il bitter, il vermut rosso e il gin. Tre sono le città a cui deve il suo gusto. Firenze, Torino e Milano.

 

La leggenda racconta che il conte ne bevesse ben venti al giorno. Oggi ci farebbe pensare a un’abitudine da alcolista ma in realtà pare che il conte usasse dei bicchierini da cordiale, cioè da tre cl. Oggi invece viene servito in bicchieri più grandi.
Il vero successo arrivò tra il primo dopoguerra e il decennio successivo, quello della Dolce Vita. Lo vediamo infatti spuntare su scritti di diversi autori di fama mondiale. Orson Welles, nel 1947 è a Roma e scrive a un giornale americano raccontando del Negronis: “Il bitter è eccellente per il fegato, il gin gli fa male. Insieme si equilibrano”. Nel 1950 Ernest Hemingway cita il Negroni nel romanzo Di là dal fiume e tra gli alberi. E lo scrittore Ian Fleming lo sostituisce al celebre Vesper Martini di James Bond nel racconto Risiko, parte dell’opera For your eyes only, nelle sale cinematografiche fa capolino nel film La primavera romana della signora Stone del 1961, tratto dalla novella di Tennessee Williams, dove la protagonista si abbandona a un “magnifico Negroni per dimenticare e aprirsi ai giovani amori”.

 

E se il Negroni nasce come variante dell’Americano dal Negroni sono nati diversi twist. Dal Negroni sbagliato anche lui famoso in tutto il mondo e nato, si dice per caso, al Bar Basso negli anni settanta per mano di Mirko Stocchetto, al Cardinale che si dice essere la prima variante nata negli anni 50 dove al vermut rosso si sostituisce il vermut dry. Ci sono poi il Negroski, il Bencini e il Boulevardier, l’Old Pal il Dutch Negroni e tanti altri.

 

Quest’anno in occasione del centenario il trittico perfetto viene celebrato da un tris altrettanto perfetto: OSCAR697, GIASS e GOD SAVE THE FOOD.
Nasce così God Save the Negroni un progetto diviso in 4 serate che vede protagonista proprio il Negroni ma in una veste un po’ particolare perché oltre ad essere shakerato, e non mescolato come vorrebbe la ricetta originale (figura 2 la ricetta).

 

GIASS
GIASS, di cui abbiamo scritto qui è il primo London Dry Gin di Milano: spirito artigianale, frutto della voglia di unire diversi elementi.
La ricetta è complessa ed è pensata per abbracciare quante più note possibili in una sospensione stabile, e conta 18 botaniche . Una solida base classica composta da ginepro, coriandolo e angelica offre alle altre botaniche la possibilità di esprimere le loro caratteristiche. Il processo di essicazione naturale a bassa temperatura,dedicato alla mela golden e alla scorza di arancia, celebra la parte fruttata della formula. I petali di rosa e i fiori di camomilla, violetta e arancio sprigionano un bouquet floreale
dal carattere preponderante, impreziosito dal karkadè, calice del fiore esotico dell’hibiscus. Le note minerali di GIASS ruotano attorno alla presenza della menta, del finocchio e della mandorla di terra, tubero particolare di limitata diffusione, conosciuto sin dall’antichità per le sue nobili proprietà. L’anima citrata è affidata alla verbena citrus, al cardamomo e alla melissa. Cassia e timo, infine, strutturano il comparto delle note legnose.

 

OSCAR697
OSCAR.697 è un nuovo brand di Vermut nato nel 2012. Il rosso possiede marcati sentori di assenzio, rabarbaro e liquirizia. Il colore è intenso. Ideale da gustare con ghiaccio, o per la creazione di cocktails con London dry gin, whisky e rum.
Oscar.697 Bianco è fresco, delicato e perfettamente bilanciato in ogni sua componente. In degustazione si notano marcati sentori di bergamotto, Yarrow (achillea millefoglie), pepe nero e fiori di sambuco.  Per l’Extra Dry le caratteristiche principali sono l’aroma di finocchietto selvatico e rosa caninae l’estratto di infuso di quercia è l’ingrediente innovativo che lo contraddistingue.


GOD SAVE THE FOOD
God Save the Food nasce nel 2011 dalla volontà di creare luoghi curati nell’estetica, contemporanei nell’animo e praticamente sempre aperti.

God Save The Food significa semplicità, qualità e accoglienza.
Oggi God Save The Food è presente con quattro locali a Milano, nei quartieri di Tortona, Brera, Piave/Porta Venezia e l’ultimo nato al piano -1 di Rinascente – Duomo, un servizio catering per eventi e feste private ed un foodtruck per portare God Save the Food in giro per l’Italia. Simply Good Food.

1

2

Articoli Simili
I più letti del mese
LA “LOCANDA NERELLO” A ZAFFERANA ETNEA RIPARTE DALLA TRADIZIONE
La stagione 2018 ha segnato un nuovo inizio per la “Locanda Nerello”, il ristorante del Relais Monaci delle Terre Nere di Zafferana Etnea che abbiamo raccontato qui.   Cambio della guardia in cucina con l&r... Leggi di più
PROGRAMMA WINTER EDITION 2018 IN ALTA BADIA
Di Care’s edizione invernale in Alta Badia, abbiamo già scritto qui.  Ora presentiamo il programma completo ufficiale. PROGRAMMA WINTER EDITION 2018 14-17 Gennaio 2018, Alta Badia Alta Badia 2018 - CARE’s &... Leggi di più
Brunch purché all’Aceto Balsamico di Modena
Il Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP ha organizzato un educational presso l’hotel Best Western Galles di Milano per spiegare innanzitutto cosa sia l’Aceto Balsamico di Modena Igp, quindi quali siano i mig... Leggi di più
NATALE A MILANO: FESTA DI LUCI, COLORI, MUSICA
Chi non avesse ancora esaurito di stupirsi di ciò che offre Milano in questo momento, sappia che in città fervono i preparativi per rendere più attrattivo il Natale, già ricco di eventi diffusi: dalle note della Madama B... Leggi di più
APPUNTAMENTO NATALIZIO A PALAZZO MARINO CON LA “SACRA CONVERSAZIONE 1520” DI TIZIANO
L’arte è di casa a Palazzo Marino e il tradizionale appuntamento di Natale alla sua decima edizione, lo conferma. E’ arrivata in Sala Alessi la splendida opera di Tiziano, proveniente dalla Pinacoteca Civica ... Leggi di più
ARMONIE VERDI | A VERBANIA UNA MOSTRA SUI PAESAGGI DALLA SCAPIGLIATURA AL NOVECENTO
Nell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, il Museo del Paesaggio di Verbania, che ha sede nello storico Palazzo Viani Dugnani di Pallanza, riapre la stagione primaverile con la suggestiva mostra Armonie verdi. Pa... Leggi di più
SEEDS&CHIPS SIGLA UN ACCORDO STRATEGICO CON EAT FOUNDATION
Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit sigla un accordo di partenariato strategico con EAT Foundation.  Seeds&Chips e EAT Foundation hanno siglato un accordo di partenariato strategico per supportare il passagg... Leggi di più
“MILANO VISTA MARE” ! PIER 52, QUANDO A MILANO SI VEDE IL MARE

Pier 52 ristorante a vocazione ittica di cui abbiamo più volte scritto, ha organizzato per mercoledì 14 marzo la serata Plateau Royal (vedi foto), il cui nome lascia presagire  una prelibatezza che gli amanti delle crudi... Leggi di più
A MILANO, GRAZIE A HEINEKEN, LA BIRRA HA LA SUA UNIVERSITÀ
È nata lo scorso anno da un importante progetto del gruppo Heineken, il colosso multibrand leader del settore birrario, e qui si sono “laureati” già 960 studenti durante il 2018 e, viste le iscrizioni e le fr... Leggi di più
SURGIVA, COMPLICE DEL GUSTO: NUOVA IMMAGINE, STESSA QUALITÀ DI SEMPRE  
Il tratto inconfondibile di Surgiva reso più delicato da un effetto acquarello, la forma e la posizione dell’etichetta leggermente modificati sono gli elementi che valorizzano la nuova veste grafica dell’acqua trentina n... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.