10gen 2019
"GIRA E RIGIRA", IL CALICE PERFETTO CHE FA RUOTARE IL VINO COME FAREBBE UN SOMMELIER
Articolo di: Michele Pizzillo

L’esordio risale al Salone del mobile del 2017. Poi un salto a Parigi, su richiesta dalla manifestazione “Maison et Objets”. Qualche giorno fa anche il sindaco di Milano, Giuseppe Sala (a sinistra nella foto 2), si è affacciato nello storico negozio che Vetrerie di Empoli ha in Via Monte Napoleone, intanto per fare gli auguri degli 80 anni di attività, ed anche per provare l’ormai famoso “Gira e rigira”, il calice che ha praticamente rivoluzionato il modo di analizzare e degustare il vino. L’invenzione è di Franco Parentini (a destra nella foto 2, foto 3), proprietario delle vetrerie nate ad Empoli, in Toscana, nel 1938, per dedicarsi alla produzione del caratteristico vetro verde. Per evolversi, nel corso degli anni, verso prodotti sempre più sofisticati, tant’è vero che lo storico negozio di via Monte Napoleone, oggi forse il più antico presente nella strada del fashion elegante, è una tappa d’obbligo per i turisti che passano da Milano, in particolare cinesi e giapponesi perché affascinati della bellezza di vetri e cristalli che produce l’azienda di Parentini. L’uomo, è il caso di sottolinearlo, che con la sua idea è venuto in soccorso anche del più goffo dei degustatori, evitandogli l’imbarazzo di sentirsi inadeguato quando si trova al cospetto dei sommelier.

 

Perché ha pensato ad un calice come “gira e rigira”? (foto 1)
La risposta di Parentini: “ogni volta che mi trovavo sulla scrivania qualche pezzo di vetro da esaminare per un nuovo prodotto, scattava una sorta di sindrome da “calice perfetto”; nel senso che mi veniva in mente qualcosa che avevo avuto modo di osservare magari all’ultimo ricevimento che avevo partecipato, l’imbarazzo di chi non riusciva a fare ruotare bene il calice spesso contente un vino di grande pregio. Così, scatta l’idea di creare il calice “perfetto”, che poi ho chiamato gira e rigira”. Un calice da degustazione che rivoluziona il modo di analizzare e valutare il vino perché quel movimento particolare che si fa dopo che il vino viene versato nel bicchiere, muovendo delicatamente la mano per analizzarlo, adesso è superato da questa genialità del presidente delle Vetrerie di Empoli.


Cioè, un calice unico, con un piccolo perno "mimetizzato" con il cristallo, oppure volutamente visibile in metallo dorato, all'apice dello stelo e alla base del calice che permette, con una lieve carezza del pollice al globo, di farlo ruotare delicatamente, imprimendo un movimento morbido al vino. La rotazione consente di affinare la valutazione e gli aspetti visivi (limpidezza, colore e consistenza), delle note olfattive (complessità e gradevolezza) e delle sensazioni gustative (note gliceriche, acidi, Sali e tannini) del vino. La luce riflessa nel bicchiere viene accelerata dal movimento rotativo, consentendo una migliore valutazione di limpidezza, vivacità e lucentezza. Mentre il movimento perfetto agevola l’analisi di tonalità, sfumature, intensità e lucentezza del colore. Poi il movimento rotativo consente di uniformare e omogeneizzare il velo di liquido sulla parete del bicchiere e garantisce anche una formazione più omogenea dell’imbuto odoroso.


"E' un'idea semplice - dice Parentini - e riguarda la consuetudine che abbiamo noi italiani con il vino e con i gesti connessi al berlo, che non sono di tutti: dal sentirne l'odore al farlo ruotare nel bicchiere. "Gira e rigira" consente a fare decantare il vino con un movimento elegante, naturale, senza più alcun imbarazzo o sensazione di inadeguatezza". “Un oggetto di design bello, ma quel che più conta è utile. Il design necessario è oggi un concetto rivoluzionario, in un mondo di forme astruse per utensili che si giustificano per le firme di chi li disegna ma che servono a poco. Qui si coniuga un'idea geniale con una eccellente abilità artigianale e il connubio è di grande efficacia": non si può non essere d’accordo con questa considerazione che un grande fotografo come Oliviero Toscani (foto 4) ha fatto in occasione di uno degli ultimi eventi che Parentini ha organizzato nella sua boutique milanese. Con l’epilogo dell’altra sera, in attesa dell’arrivo del sindaco Sala nell’oasi di vetro e cristallo che Parentini ha creato nella via dello shopping, confidandomi che “Gira e rigira” è stato selezionato dall’Osservatorio permanente di ADI-Associazione PER il Design Industriale, un gruppo di oltre 100 esperti incaricati di individuare il meglio della produzione da proporre come esempio di buona pratica nel progetto e nella produzione: veicoli e mobili, oggetti e prodotti per lavoro che potrebbero vedersi assegnare il Premio Compasso d’Oro, il più antico e soprattutto il più autorevole premio mondiale di design.

 

La consegna del premio, sempre a Milano, è prevista per seconda metà di giugno, nella fascinosa ambientazione del Castello Sforzesco.

1

2

3

4

Indirizzo : via Monte Napoleone 22 Milano
Articoli Simili
I più letti del mese
IL PERCHÉ DELLE ALBICOCCHE, FRUTTA DA NON SOTTOVALUTARE
Le albicocche sono frutti che ci accompagnano da tarda primavera sino a un buon tratto d’estate. Il colore giallo caldo che vira all’aranciato talvolta screziato o punteggiato di rosso è sicuramente invitante. Se raccolt... Leggi di più
ARCHITECTSPARTY 2017 GLI APERITIVI NEGLI STUDI DI ARCHITETTURA TORNANO A MILANO
ArchitectsParty 2017 gli aperitivi negli studi di architettura in Italia e in Europa tornano a Milano dal 21 al 23 giugno  Dal 21 al 23 giugno tornano a Milano gli ArchitectsParty, gli aperitivi negli studi di architett... Leggi di più
RITORNA PER UNA SERA A MILANO IL FILM CULT FREAKS
Ritorna a grandissima richiesta, solo il 24 luglio alle ore 21.30, Freaks, uno dei più famosi cult movie della storia del cinema. Un film controverso che quando uscì, nel 1932, scatenò aspri dibattiti e ancora oggi non m... Leggi di più
COLLIO MERLOT RUSSIZ SUPERIORE 2012
L’Azienda Russiz Superiore dal 1956 ha sede a Capriva del Friuli, nel Goriziano, anno in cui Marco Fellluga la fondò. Il padre Giovanni si era trasferito in Friuli negli anni Trenta, proveniente dall’Istria dove la famig... Leggi di più
MOSCATO ZEBO, TERRE SICILIANE INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
Soprattutto d’estate un aperitivo fresco, petillant, fruttato, dolce senza essere stucchevole ci mette nell’umore giusto per cominciare al meglio la serata. Zebo è un vino bianco aromatico che riproduce al me... Leggi di più
BRUNO QUERCI ENERGICOFORMA ALLA GALLERIA “A ARTE INVERNIZZI”
La galleria A arte Invernizzi inaugura martedì 21 novembre 2017 alle ore 18.30 una mostra personale di Bruno Querci, in occasione della quale viene presentato un percorso espositivo che, attraverso la compresenza di lavo... Leggi di più
EUROPA, DOVE LA QUALITÀ È DI CASA | I PRODOTTI ALTOATESINI (2/2)
Abbiamo detto qui  del focus tenuto sui vini altoatesini in occasione della campagna Europa dove la qualità è di casa finanziata con l’aiuto dell’Unione Europea, un evento che ha avuto luogo a Milano presso S... Leggi di più
Tagliolini con gamberi e carciofi alle due cotture
LE BACCHE FREDDE DEL SUD
Il Sud Italia non è solo terra di sole e mare, di tuffi infiniti tra vento caldo e brezza marina, nel profondo si nascondono zone impavide, di difficile conduzione, dove la coltura diventa imprevedibile perché bersagliat... Leggi di più
UN 2016 RICCO DI PREMI PER LA CANTINA CONTE COLLALTO
Dal Concours de Bruxelles al Merano Wine Festival fino alla lusinghiera valutazione del prestigioso Wine Spectator, un bilancio più che positivo per il marchio di Susegana che diventa ancora più internazionale.   Un 20... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.