07lug 2020
CANTINE SETTESOLI – MANDRAROSSA LA NUOVA LINEA "SENTIERO DELLE GERLE "
Articolo di: Michele Pizzillo

Approda quasi alla parte opposta di Menfi, la grande Cantine Settesoli, per proseguire il percorso intrapreso due decenni fa per scoprire nuovi territori – la linea è “Racconti ritrovati” -, valorizzare i vitigni autoctoni e, conseguentemente, ampliare la propria offerta con il brand di alta gamma Mandrarossa.

 

Così, dai primi “Vini di Contrada”, cioè Bertolino Soprano e Terre del Sommacco, rispettivamente un Grillo e un Nero d’Avola in purezza, Settesoli è passata alla montagna “infuocata”, creando la linea “Sentiero delle Gerle” e ancora una volta con due vini, in questo caso Etna doc, il bianco ottenuto da uve Carricante e il rosso da uve Nerello Mascalese, per continuare il percorso di esplorazione dell’isola. Arrivando, adesso, alle falde dell’Etna che qualcuno ritiene essere una delle più interessanti aree viticole italiane, ma con vitigni autoctoni siciliani che, spesso, nel passato non sono stati un po' troppo trascurati. Qualcuno, giustamente, ha ricordato che sino ad un po' di anni fa, sia Nerello, sia Carricante, erano ritenuti vitigni poco più che interessanti. E, invece …

 

Con Mandrarossa, Settesoli (che conta oltre 2.000 soci con 6.000 ettari di vigna e oltre 20.000.000 di bottiglie prodotte) ha scelto un percorso originale ed anche interessante per interpretare al meglio i tanti territori della Sicilia, ovviamente sotto l’aspetto enologico senza trascurare, però, usi, costumi, cultura dei territori che a mano a mano produrranno vini con il brand Mandrarossa. Tant’è vero che i nomi delle prime due linee dicono tutto sul legame con il territorio: Vini di Contrada” per il territorio attorno alla cantina di Menfi, “Sentieri delle Gerle” per la novità Etna doc. Poi ci pensa la veste grafica dell’etichetta ideata dall’artista Nancy Rossit, già espressosi con i “Vini di Contrada”, ad essere più espliciti con la bellissima immagine scelta per entrambe le bottiglie: due momenti tra le vigne del vulcano, uno all’alba e uno al tramonto, un omaggio a tutti coloro che hanno contribuito con il loro lavoro a far sopravvivere la viticoltura etnea e, in particolare, le donne – a cui era affidato la cura della vigna -, con i loro fazzoletti azzurri sul capo e i loro grembiuli rossi, raffigurate all’inizio e alla fine di una giornata di lavoro.

 

In sintesi, “vini rispettosi del territorio”, dice Giuseppe Bursi, presidente di Settesoli dal 2018. Aggiunge il responsabile commerciale della cantina, Francesco Tiralongo “cerchiamo storie e li trasformiamo in immagine”. Ecco perché il progetto Mandrarossa è un percorso particolarmente originale, presentato per la prima volta l’anno scorso a Milano ma con vini provenienti dall’area viticola attorno a Menfi, con i primi due nuovi vini nella linea “Racconti ritrovati”.

 

Poi, con i “Sentieri delle Gerle” non si può non essere d’accordo con Claudia Guarino, brand manager Mandrarossa quando dice che “questa è la Sicilia che non ti aspetti sia come essenza del territorio, sia come esaltazione del lavoro femminile”.

 

Dopo l’introduzione di Roberta Urso, che di Settesoli cura la comunicazione, il racconto del presidente Bursi sulle strategie aziendali, sono stati gli enologi Alberto Antonini, Mimmo De Gregorio e Filippo Buttafuoco a condurre, a distanza come richiedono i tempi attuali, la degustazione della seconda proposta dei Vini di Contrada. E, cioè

 

Sentiero delle Gerle Etna doc bianco 2018 (foto 2)
Ottenuto da uve Carricante raccolte nei vigneti di Linguaglossa, sul versante nord orientale del vulcano, un’area caratterizzata da forti escursioni termiche che insieme alla composizione dei terreni, permette di avere vini ottima finezza. Questo bianco è caratterizzato da profumi prevalentemente floreali che s ritrovano in bocca insieme ad una bella acidità, un’ottima freschezza e una complessità di sentori di piccoli frutti rossi maturi. Interessante l’evoluzione in bottiglia, a conferma della capacità di invecchiamento di questo bianco etneo.

 

Sentiero delle Gerle Etna Rosso DOC 2016 (foto 3)
Questo è veramente un grande rosso vulcanico, ottenuto da uve Nerello Mascalese che dopo 10-12 giorni di fermentazione a temperatura controllata, il vino viene separato dalle bucce e messo ad affinare per 12 mesi in botti di rovere francese. Per poi presentarsi nel bicchiere con un colore rosso porpora brillante, profumi avvolgenti tra ricordi di grafite e lieve tostatura del legno. In bocca è succoso, con una tannicità tendenzialmente e un bel concentrato di frutta matura rossa e qualche tocco di geranio ma anche di vaniglia e addirittura di talco mentolato. Insomma, un vino di grande eleganza piacevolissimo ed anche di estrema duttilità negli abbinamenti gastronomici.

1

2

3

Photo Credits

Photo 1 : https://www.facebook.com/MandrarossaWines/photos
Articoli Simili
I più letti del mese
PECK –UOVA DI PASQUA 2018 | LE NUOVE CREAZIONI DI GALILEO REPOSO
Una Pasqua luminosa e colorata quella firmata Peck per il 2018.
 Galileo Reposo, pastry-chef della maison, quest’anno ha lavorato il cioccolato giocando su luce e colori, dando vita a tre raffinati e golosi capolav... Leggi di più
SI È CHIUSA LA VENTESIMA EDIZIONE DI SUMMA
Domenica 9 aprile circa 1.400 visitatori internazionali hanno preso parte al ventennale di Summa, la kermesse organizzata da Alois Lageder a Casòn Hirshprunn e Tòr Loewengang (Magrè, BZ)   Presenti oltre 500 ospiti al ... Leggi di più
LIVE WINE 2018 | IL SALONE INTERNAZIONALE DEL VINO ARTIGIANALE
LIVE WINE. Il Salone Internazionale del Vino Artigianale alla sua quarta edizione. Sabato 3, Domenica 4 e Lunedì 5 Marzo torna l’evento più importante dell’anno dedicato alle produzioni vitivinicole artigiana... Leggi di più
PIER52, RISTORANTE PER OGNI STAGIONE
Aggiornamento 12 febbraio 2016 San Valentino “Sapore di sale, sapore di mare” cantava Gino Paoli e chissà quante storie d'amore sono nate sulle note della sua canzone! Del resto anche a tavola - stando alle cronache di... Leggi di più
AL VIA I NUOVI CORSI DELL’ACCADEMIA GUALTIERO MARCHESI
Ritornano anche per il nuovo anno scolastico i corsi dell’Accademia milanese  del Maestro Gualtiero Marchesi, con un ricco calendario e tante novità.  I corsi per gourmet, una proposta unica per appassionati e ama... Leggi di più
“PIZZA IN BRERA” DA BIOESSERÌ CON LELLO RAVAGNAN DEL GRIGORIS
Una imperdibile degustazione del piatto più emblematico della cucina italiana. Bioesserì Brera, ristorante biologico nel centro di Milano, ospita lunedì 11 dicembre Lello Ravagnan del Grigoris di Mestre (Ve). Alla prima ... Leggi di più
A SAN VALENTINO DILLO CON UN VINO... O CON UN DRINK
I vini di San Valentino: Moscato di Trani Di Filippo Una cena romantica conclusa con un vino altrettanto romantico per il suo colore dorato, la freschezza del bouquet e la dolcezza del gusto?. E’ quanto di meglio... Leggi di più
AUTOCHTONA 2017 14° FORUM DEI VINI AUTOCTONI: I TRE LAGREIN
Tasting Lagrein 2017: tre i premi assegnati: uno per ognuna delle tipologie più tipiche del Lagrein di Alto Adige. Fresco quando rosato, scuro e corposo adatto a buon invecchiamento oppure fruttato e pieno: il Lagrein ha... Leggi di più
HA APERTO IL CAFFÈ PASTICCERIA ROSCIOLI IN PIAZZA BENEDETTO CAIROLI A ROMA
Il distretto gourmet nel cuore di Roma si allarga e spazia nella pasticceria e nella caffetteria. Alessandro e Pierluigi Roscioli hanno rilevato la storica Pasticceria Bernasconi e hanno creato la loro personale versione... Leggi di più
I RISTORANTI ADERENTI AL PROGETTO LOL CONTRO LO SPRECO... I PRIMI 10
Il progetto LoL- “LeftOver Lovers” voluto e promosso da De-Lab, di cui abbiamo scritto qui e qui, si sta avvicinando alla fase operativa. I ristoranti salentini che hanno aderito al progetto di sensibilizzazi... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.