22feb 2020
PINOT NERO RISERVA 110 NOIR LA GENISIA TORREVILLA UN ROSSO IN DIVENIRE
Articolo di: Fabiano Guatteri

Torrevilla è una realtà vitivinicola cooperativa dell’Oltrepò pavese fondata nel 1907 che conta 600 ettari di terreno vitato e ha a suo attivo 200 soci. Negli ultimi anni ha realizzato La Genisia che rappresenta la linea top di gamma della cantina.

 

Si inserisce all’interno di un progetto più ampio frutto del lavoro di Gabriele Picchi direttore ed enologo, Simone Fiori agronomo con la collaborazione dell’agronomo ed enologo, Leonardo Valenti docente dell’Università degli Studi di MilanoIl progetto riguarda l’intero vigneto e ha reimpostato l’approccio produttivo grazie alla zonazione: ogni vigna è stata profilata, con lo scopo di fornire indicazioni sui metodi colturali da impiegare per ricavare la migliore uva.

 

Sono state inoltre individuate le parcelle a maggiore vocazione da destinare ai vini della linea La Genisia. Si tratta di un lavoro lungo e laborioso che guarda al futuro e non solo al presente. Il potenziale di alcune produzioni, già ora apprezzabili, si esprimerà al meglio domani perché per raggiungere livelli qualitativi giustamente ambiziosi occorre tempo.

 

Un vitigno alloctono su cui l’Oltrepò Pavese crede è il pinot nero utilizzato da Torrevilla per la produzione sia di spumanti sia di vini rossi, di diverse linee. Delle basi degli Spumanti La Genisia abbiamo detto qui

 

In merito ai vini rossi l’etichetta di punta è il Pinot Nero Riserva 110 Noir La Genisia su cui la Cooperativa ha molte aspettative.

 

E’ prodotto utilizzando unicamente uve pinot nero allevate in parcelle dislocate nei comuni di Torrazza Coste e Montebello.

 

La vendemmia è rigorosamente manuale e le uve sono raccolte in cassette per evitare che i grappoli possano schiacciarsi.

 

Dopo la macerazione il vino è travasato in barrique dove ha luogo la fermentazione malolattica. L’affinamento, sempre in barrique, ha una durata di 12 mesi quindi il vino è imbottigliato.

 

Alla degustazione presenta colore rosso rubino con riflessi violacei;

 

al naso si impongono innanzitutto sentori di frutta matura, in particolare di amarena, di frutti di bosco come il mirtillo, il lampone oltre a note floreali di rosa e rosa canina;

 

si avvertono inoltre nuance speziate di pepe nero e una sottile sensazione speziata; in bocca è immediato, dotato di piacevole morbidezza, avvolgente e al tempo stesso fresco; i tannini sono soffici e il finale lungo.

 

E’ un vino in divenire che già ora apprezzato per la complessità, è in costante miglioramento. Sarebbe interessante fra qualche anno organizzare una verticale di Noir.

1

Articoli Simili
I più letti del mese
MOVIMENTO TURISMO DEL VINO LOMBARDO: #iorestoacasa MA NON RINUNCIO AL VINO
Se è problematico andare per negozi ad acquistare bottiglie e magnum, con #viniinmovimento il Movimento Turismo del Vino Lombardo porta il vino a casa.   Alcune cantine che aderiscono al Movimento, infatti, elencate qu... Leggi di più
L’ORIGINALE DOBBIACO DI LATTERIA TRE CIME
L’Originale Dobbiaco di Latteria Tre Cime: il formaggio che racchiude il sapore unico dell’Alto Adige!  Dici Originale Dobbiaco, dici Latteria Tre Cime!  Questo formaggio è il prodotto più noto di Latteria Tr... Leggi di più
PROVATI PER VOI: GOOD BLUE; FAST-FOOD DI PESCE HEALTY E SOSTENIBILE
La bella notizia è che Fast-food non fa più necessariamente rima con junk-food, ma questo per fortuna avviene già da tempo e fa veramente piacere sapere che quasi sempre i progetti e le start-up che alzano il livello del... Leggi di più
LA CUCINA DEI FRIGORIFERI MILANESI
Le vetrate dei Frigoriferi Milanesi,  così come quella del loro ristorante La Cucina dei Frigoriferi Milanesi,  riflettono l’immagine dell’edificio di fronte sull’altro lato della strada (foto 1). Si co... Leggi di più
BADIA DI MORRONA, I SODI DEL PARETAIO 2017
La famiglia Alberti produce vini Chianti dal 1939 e dispone di circa 110 ettari dei quali la metà sono coltivati a sangiovese. Tra i Chianti prodotti uno giovane, che si avvicina di più al vino quotidiano beverino e fres... Leggi di più
ESTATE IN ALTO ADIGE: IL PICCOLO PARADISO DEL MASO PFLEGERHOF (1/4)
In Alto Adige il Maso Pflegerhof è un’oasi verde che coltiva 500 varietà di piante, erbe officinali ed aromatiche tutte da scoprire. ( Foto 2 )   Arroccato sui pendii intorno a Sant’ Osvaldo di Castelrotto ... Leggi di più
AL MERCATINO "IL BUONO IN TAVOLA" PER SCOPRIRE I PRODUTTORI (1/2)
Aggiornamento 1 aprile 2019 Questo mese Il Buono in Tavola sarà presente per 5 martedì: il 2, il 9, il 16, il 23 e il 30 Aprile dalle 8:30 alle 14:30. Tra i jolly che caratterizzano l’edizione 2019, martedì fa il ... Leggi di più
SETTEMBRE GASTRONOMICO DI PARMA 2021
Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma, la filiera del latte e quella del pomodoro possiamo dire che sono dominanti e non può essere diversamente, siamo a Parma, anzi nella Città Creativa della Gastronomia Unesco. Ma q... Leggi di più
SPAGHETTI AL LARDO CON CALAMARI, POLPO E COLATURA DI ALICI
ASPARAGI ALLE UOVA IN CEREGHIN E FORMAGGIO GRANA
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.