30set 2018
A FICO, TRA SCIENZA E GASTRONOMIA PER PROMUOVERE L’INNOVAZIONE
Articolo di: Dirce Bottardi

A FICO di Bologna, le biotecnologie alimentari sono state al centro dell’attenzione durante un pranzo a base di alimenti come grano, pomodoro, olio d'oliva, riso e basilico, prodotti-cardine della dieta mediterranea. “Cibo per la mente" ha voluto spiegare perché l’agricoltura e il cibo Made in Italy hanno bisogno di ricerca e rinnovamento per fronteggiare vecchie e nuove sfide.


Ma cos’è "Cibo per la mente"? È un progetto che riunisce 13 associazioni della filiera agroalimentare italiana (per un valore di circa 30 miliardi di euro), il cui obiettivo è l’innovazione in agricoltura attraverso investimenti e ricerca. Le varie istanze hanno dato vita ad un manifesto (https://www.ciboperlamente.eu/il-manifesto) che è stato presentato a Roma alla Camera dei Deputati il 5 settembre 2017, in attesa di arrivare a Bruxelles. Ma a parte le istituzioni, vuole essere anche un'occasione di confronto e dialogo tra produttori, ricercatori e consumatori dell'agroalimentare.


A FICO, il pranzo “scientifico” ha alternato le pietanze create dallo chef Massimiliano Poggi, alla divulgazione di Piero Morandini, ricercatore del dipartimento di Bioscienze dell’Università Statale di Milano, alla testimonianza di Deborah Piovan, imprenditrice del settore e portavoce di ‘Cibo per la mente’ secondo la quale “la qualità del Made in Italy è riconosciuta in tutto il mondo. Ma la tradizione ha bisogno dell'innovazione, anche in agricoltura. L'obiettivo del miglioramento varietale, per esempio, è una priorità assoluta che va sostenuta con fondi alla ricerca e un approccio pragmatico e non ideologico alle nuove tecnologie”.


L’Italia è il primo paese dell’Unione europea per valore aggiunto in agricoltura (31,5 miliardi di euro nel 2017). Con circa 30 milioni di occupati nell'agroalimentare, il nostro continente è il maggiore importatore ed esportatore di derrate alimentari, ma al tempo stesso dispone delle terre coltivate più fertili. Ora, i temi che non posso più essere rimandati ha dichiarato Deborah Piovan “saranno i cambiamenti climatici, le malattie, nuove o vecchie, che affliggono le piante, l'evoluzione dei bisogni dei consumatori', senza dimenticare come aumentare le rese in maniera sostenibile e produrre alimenti più nutrienti.


Preoccupazioni sui tempi che verranno e risorse alimentari sono state espresse anche dalla FAO che ha fissato l’obiettivo #FameZero per il 2020, e stimato che nel 2050 gli abitanti della terra raggiungeranno 9 milioni, in un contesto di risorse naturali in calo. “Produrre di più e meglio da meno” è la risposta elaborata dal workshop bolognese.

1

2

3

Articoli Simili
I più letti del mese
ACQUAVITE D’UVA ALEXANDER: LA REGINA DELL’ESTATE
Notizia Acquavite d’Uva Alexander è un distillato morbido e aromatico, che ha origine dalla distillazione degli acini gustosi e profumati di Uva Regina. All’olfatto si caratterizza per l’avvolgente sentore di frutta fre... Leggi di più
LE SELEZIONI DI FEUDI DI SAN GREGORIO
Le Selezioni di Feudi di San Gregorio: Luci e colori dell’Irpinia  per la tavola e per la casa. Sono Cutizzi, Pietracalda, Serrocielo e Aglianico Dal Re. Giallo, rosso, blu e viola. Un colore per ognuno dei vitigni... Leggi di più
L’AGLIO, DA SEMPRE, È CONSIDERATO UNA PANACEA
L’aglio, da sempre, è considerato una panacea: originario dell’Asia, veniva adoperato sia come alimento, sia come medicinale (antinfiammatorio e antibiotico). L’aglio bianco ha la buccia – detta ‘tunica’ – bianca, i bulb... Leggi di più
SAN VALENTINO: MOMENTI D’AMORE FIRMATI DEUTZ
L’unione di due cuori che si sublima come nell’unione delle migliori annate di vendemmia. L’armonia di due innamorati che si ritrova come nella cuvée equilibrata di tre grandi vitigni – Pinot Nero, Pinot Meunier e Chardo... Leggi di più
QUELLO CHE DA ROMAGNOLI NON TI SARESTI ASPETTATO
Romagnoli è una storica cantina picentina di Villò di Vigolzone, località vicina alla più conosciuta Grazzano Visconti. Sorta a fine Ottocento ha attraversato nel secolo sorso alterne vicende sino a ritrovare più recente... Leggi di più
THE DEVIL IN THE KITCHEN: LA VITA DANNATA DI UNO CHEF STELLATO
Marco Pierre White The devil in the kitchen La vita dannata di uno chef stellato.     “Potremmo scomodare Marshall McLuhan, la mediologia e pure inventare i gender studies culinari, ma trenta anni prima degli imberbi ... Leggi di più
JUST CAVALLI, I PIATTI INVERNALI E LA PROPOSTA DI SAN SILVESTRO
Un ristorante generalmente ci piace se risponde ad alcune imprescindibili caratteristiche ossia elevata qualità della cucina, ambiente confortevole e servizio attento. Sono tutti presupposti importanti perché ne bastereb... Leggi di più
RISTORANTE FLORA A BUSTO ARSIZIO: LA CUCINA NATURALE ABITA QUI
“Nella mia cucina il frigorifero è di norma praticamente vuoto e faccio un uso quasi zero delle tecnologie” il cuoco che mi parla così non è un anziano professionista d’altri tempi che non si è voluto a... Leggi di più
Cagnulari Muttos 2013 Isola dei Nuraghi igt
Il Cagnulari è un vitigno presente in una piccola zona della Sardegna la quale trova il proprio epicentro nel comune di Usini nel Sassarese, su colline calcaree di circa 200 metri di altitudine. Con queste uve viene prod... Leggi di più
GAMBERI IN BISQUE GELATINATA, FOIE GRAS D’OCA

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.