15gen 2017
IL DILAGANTE ITALIANESE È LINGUA-LINGUAGGIO COSMOPOLITA O PROVINCIALE?
Articolo di: Fabiano Guatteri

Gli italiani che vivono nei paesi anglofoni (e più in generale all’estero) lo sanno; con il tempo la loro lingua si corrompe arricchendosi di termini stranieri così da non essere più propriamente italiana, bensì italianese, ossia , come recita il dizionario Treccani, quell’italiano ibrido derivato dalla commistione di elementi lessicali penetrati nell’italiano dall’inglese. Non si tratta di una scelta, ma di un “cedimento” della propria madre lingua quasi fisiologico, che non suscita certo stupore. Stupisce invece quando l’italianese è parlato da italiani nel Bel Paese.

Sicuramente nell’ambito informatico è una necessità utilizzare vocaboli inglesi, perché questi fanno parte di un linguaggio e non c’è ostentazione nell’impiegarli. Ma si tratta di un’eccezione. Va detto che l’impiego sistematico di termini inglesi è un fenomeno unicamente italiano. La ricerca del termine straniero, di un paese che a ragione o a torto si ritiene più qualificato del proprio, è tipica di una cultura permeata da sensi di inferiorità.

Capita talvolta di sentire, a conferenze tenute da relatori di lingua inglese con interprete, qualcuno del pubblico intervenire in inglese: ciò accade per una forma di ospitalità o di piaggeria? Non succede in Francia perché i francesi sono inospitali, o perché non hanno sviluppato sindromi di sudditanza?

E’ che il termine inglese come per incanto sa far luccicare ciò che è opaco: servirsi di cibi con le mani è inadeguato, ma se gli stessi cibi li chiamiamo finger food, è brillante farlo; mangiare per strada non è principesco, ma se si tratta di street food allora è molto snob, e poi l’autoscatto, che era proprio di chi non aveva nessuno che lo fotografasse, diventato selfie si fa circolare rivendicandolo. Quando mai e poi mai si era sentita l’esigenza di citare il profilo o il panorama milanese prima di chiamarlo skyline? Come è stato definito il nuovo presidente statunitense dalla stampa? Forse magnate? No, tycoon. E se lo spritz (termine non inglese, ma neppure italiano) si chiamasse bianco spruzzato, quasi certamente non avrebbe uguale successo. E’ come se utilizzando un significante straniero, il significato stesso della parola cambiasse.

L’esempio istituzionale non conforta considerato che welfare, jobs act, election day sono entrati nel linguaggio corrente.

Come dire, ci sono giovani che per apparire “fighi” si costruiscono un’immagine, pardon un look basato su taglio di capelli, postura, abbigliamento, gestualità, denunciando inconsapevolmente uno stato sociale (estrazione sociale, scolarizzazione, tipo di lavoro…) modesto. Analogamente ci sono italiani in patria che per apparire cosmopoliti ostentano l’italianese, rivelando il proprio provincialismo. Ah, les italiens.

 

1

Articoli Simili
I più letti del mese
SARAI 2015 UN ECLETTICO MARZEMINO IN PUREZZA DELLA CANTINA SAN MICHELE
Si chiama Sarai, nome beneaugurante, futuro del verbo essere, il Marzemino in purezza, prodotto dalla Cantina San Michele, nelle sue vigne del Monte Netto, a quindici chilometri da Brescia. Un piccolo monte, che supera ... Leggi di più
ROSSO MONTE DELLE VIGNE 2013 | SORSI AUTUNNALI
Abbiamo detto di Monte delle Vigne scrivendo di Nabucco 2011.  Ricordiamo solo che Monte delle Vigne dimora sulle colline parmensi con un vigneto di 60 ettari nel cuore della Doc Colli di Parma in cui radicano uve malva... Leggi di più
A PAOLO FORADORI, TITOLARE DELLA TENUTA J. HOFSTÄTTER DI TRAMIN – TERMENO, IL PREMIO ANGELO BETTI - BENEMERITO VINITALY 2016
È stato assegnato a quello che si può ritenere il padre del Pinot Nero altoatesino il Premio Angelo Betti - Benemerito della Vitivinicoltura 2016. A ricevere la medaglia di Cangrande è stato infatti Paolo Foradori - tito... Leggi di più
FESTIVAL DEL PROSCIUTTO DI PARMA ERNST KNAM INAUGURA LA XX EDIZIONE
 La prossima edizione del Festival del Prosciutto di Parma si aprirà con un dolce molto speciale, quello del noto Pastry Chef Ernst Knam che darà il via allo storico evento la sera di venerdì 1 settembre.  Anche quest'a... Leggi di più
IL CROCCANTE DI YOGURT DI STEFANO CAVADA: LA RICETTA FILMATA
Il Croccante di yogurt e altre ricette altoatesine di Stefano Cavada sbarcano su Food Network. Le ricette facili di Stefano Cavada da replicare raccontate attraverso altrettanti brevi videoclip che saranno in onda fino a... Leggi di più
ANTEPRIMA DI ORNELLAIA 2013 VENDEMMIA D’ARTISTA
ORNELLAIA 2013 VENDEMMIA D’ARTISTA: L’ELEGANZA Si è tenuta giovedì 25 febbraio la preview di Ornellaia annata 2013 alla Sotheby’s - Palazzo Serbelloni a Milano. Non si è trattato solo della presentazione di un grande vi... Leggi di più
CASO, ELETTRODOMESTICI: YOUR KITCHEN IN ONLY ONE TOUCH
Caso, elettrodomestici dal design e hi tech. Your kitchen in only one touch. Quando il design contemporaneo sposa la tecnologia più avanzata nasce la linea di elettrodomestici firmati Caso Design e distribuiti in Italia... Leggi di più
MUSCAT, BIRRA DOCG: BIRRA AL MOSCATO DI SCANZO
E’ un anno speciale il 2018 per l’Azienda Agricola Pagnoncelli Folcieri,  Francesca, figlia del Dottor Maurizio Pagnoncelli, farmacista, titolare insieme ai genitori, ai fratelli Federico e Serena e al marito... Leggi di più
E ALLORA BACIAMI DI ROBERTO EMANUELLI
L’amore, quello vero, quando arriva te ne accorgi. Ti prende dritto al cuore e alla testa, e a quel punto è già troppo tardi: il tempo, la distanza, le tempeste piccole e grandi, non c’è più niente che possa ... Leggi di più
MILANO PISCO WEEK | DEGUSTAZIONI DI COCKTAIL PER GLI APPASSIONATI
Milano Pisco Week: dal 28 settembre all’8 ottobre in 26 locali di Milano degustazioni di cocktail con il distillato simbolo del Perù.L’Ufficio Commerciale del Perù in Italia, Ocex Milán, organizza la rassegna... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.