11feb 2019
IO GIURATO ALLA PROVA DEL CUOCO. I RETROSCENA IN ESCLUSIVA/2
Articolo di: Clara Mennella

Dalla nostra collaboratrice Clara Mennella, inviata a La prova del cuoco, il programma dedicato alla cucina di Rai 1.

 

Dopo il racconto sull’organizzazione e la preparazione dello studio e dei partecipanti, ecco cosa succede durante la sfida finale ne La prova del cuoco, il momento più importante del programma, quello che occupa l’ultima mezz’ora prima dell’inizio del Tg1. Basti dire questo per capire che non si può sforare nemmeno di un nanosecondo e che si deve passare la linea alle 13,27 esatte perché possa andare in onda la pubblicità, seguita dal telegiornale.


Tolti questi minuti e quelli necessari per l’ingresso e le presentazioni ne rimangono circa 20 per la preparazione e l’impiattamento di ben due portate… sarà tutto crudo e finto? No! Io i cibi li ho assaggiati e sono cucinati quasi sempre alla perfezione: l’abilità sta nello scegliere i tipi di cottura più veloci possibili, quindi bollitura della pasta che riesce velocemente grazie alle piastre a induzione che sono molto potenti, fritture, scottature e molti ingredienti complementari lasciati crudi. Altro trucco è quello di ridurre tutto in pezzetti piccoli, quindi via libera a dadolate, straccetti, bocconcini ecc.

 

La sfida si svolge fra due concorrenti a settimana che non sono professionisti ma appassionati di cucina, selezionati fra le candidature arrivate da casa, affiancati ognuno da un cuoco che cambia quotidianamente e ruota fra un elenco di nomi che sono presenze abituali di tutta la stagione; le due coppie sono le famose squadre del Peperone Verde e del Pomodoro Rosso.
Quello che da casa non si nota è che tutte le incombenze pericolose sono tassativamente riservate ai professionisti, quindi sono esclusivamente loro che useranno i coltelli più grandi, maneggeranno i fuochi e i forni, proprio perché si fa tutto per davvero e la velocità aumenta i rischi. I due concorrenti si daranno da fare con gli impasti, il lavaggio dei vegetali, le sbattiture e le mantecature.


Per decidere quali piatti preparare con gli ingredienti messi giornalmente a disposizione si avranno invece delle “dritte” prima di andare in onda ma non si saprà con certezza quale kit verrà loro affidato, la suspence è quindi garantita! Veniamo alla giuria, come è noto è composta da tre figure; uno chef di livello, di solito stellato, un esperto della materia, giornalista, scrittore, critico gastronomico ma anche blogger di provata esperienza e infine da un personaggio del mondo dello spettacolo che, a differenza degli altri due, cambia ogni giorno.

 

La giuria assiste alla preparazione a pochi metri di distanza, osserva e interviene con domande o osservazioni, e qui sta un po’ la difficoltà e cioè riuscire a sintonizzarsi sui tempi velocissimi della diretta, intervenendo senza aspettare che venga data la parola ed essere sintetici ed efficaci. Insomma si deve fare un po’ quello che fanno i cuochi: correre, rispettare i tempi ed essere concentratissimi! Quando scatta il countdown i piatti arrivano sul banco della giuria che assaggia un boccone in gran velocità, per questo i giurati devono avere una capacità professionale allenata: a questo punto scatta il voto, senza grandi consultazioni.


Tutto è molto reale e dallo stile decisamente diverso dai tanti programmi di cucina che sono venuti in seguito; qui non ci si dilunga in silenzi studiati per creare suspence ad hoc, non si esprimono lunghi giudizi e critiche personali, non si umiliano i partecipanti o si esaltano in maniera esagerata i vincitori, insomma non si costruiscono eroi.

 

Può piacere o meno ma la cifra del programma è nella serenità della sfida amichevole, così come era stato pensato da Antonella Clerici che lo ha condotto dal 2000 al giugno 2018, sostituita per il periodo dal 2008 al 2010 da Elisa Isoardi che ora ha raccolto definitivamente il testimone. Al suo fianco Ivan Bacchi, un volto televisivo simpatico che insieme ad Elisa forma una coppia che sta conquistando puntata dopo puntata un pubblico trasversale, formato da cuochi, casalinghe, nonne, bambini. E, per la prima volta, tanti giovani spettatori.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

Articoli Simili
I più letti del mese
FESTIVAL DELLE BIRRETTE #FOLKEDITION: TRE GIORNI DI BALLI E MUSICA
Festival delle Birrette #FolkEdition: una festa lunga tre giorni con balli e musica popolare. A mare culturale urbano, dal 25 al 27 maggio 2018 III edizione del Festival delle birrette  di cui abbiamo detto qui:  tre gi... Leggi di più
LIFE IS A BUBBLE E IL PAS DOSÉ ANGELO LE VIGNE DI ALICE
Le Vigne di Alice, è una giovane azienda a conduzione femminile nata nel 2005 per opera di  Cinzia Canzian, nella zona del Conegliano Valdobbiadene Docg.   La filosofia aziendale è da subito volta alla valorizzazione d... Leggi di più
20 MAGGIO 2020 GIORNATA MONDIALE DELLE API
Albert Einstein disse che “Se un giorno le api dovessero scomparire, all’uomo resterebbero solo quattro anni di vita”. E se il genio avesse ragione? E, comunque, ha fatto bene Rigoni di Asiago, azienda ... Leggi di più
LA PIZZA PROVOCA SETE E GONFIORE? CAMBIA PIZZERIA
Un ristoratore chiese a un cliente che aveva appena cenato nel suo locale, se gli fosse piaciuta la sua cucina, e questi rispose che glielo avrebbe saputo dire il giorno dopo. Ed è una risposta molto saggia perché la bon... Leggi di più
LA GIORNATA FAI D’AUTUNNO | CITYLIFE E LE TRE TORRI MILANESI
Domenica 16 ottobre è il giorno della “Fai Marathon 2016”, la Giornata Fai d’Autunno dedicata alla scoperta dei luoghi più belli d’Italia. Oltre 600 i siti aperti in 150 città lungo tutta la Penisola, grazie a 3.500 giov... Leggi di più
WORLD PASTRY STAR 2019: LA PASTICCERIA DALLA CREATIVITA’ AL SUCCESSO ( 1/2 )
Il World Pastry Stars 2019, ( di cui abbiamo parlato qui ) il Congresso di Pasticceria Internazionale organizzato da Italian Gourmet, patrocinato dall’Accademia Maestri Italiani Pasticceri ( AMPI ) e da Relais Dess... Leggi di più
CON UNDUETRIS PRANZETTO DI CITTERIO LA SCHISCETTA È SANA E GIAPPONESE
Con “Unduetris Pranzetto” di Citterio la “schiscetta” è sana e si ispira al design giapponese Citterio, insieme all’Associazione culturale “Il Furoshiki”, ci spiega l’arte ... Leggi di più
PINOT NERO OLTREPÒ PAVESE, VINO DI TERROIR
In una mattina tardo autunnale nella suggestiva location che ospitava la storica Taverna Moriggi, abbiamo partecipato a un evento dedicato all’Oltrepò Pavese, o meglio, al Pinot Nero dell’Oltrepò. Si è parlat... Leggi di più
I 100 PIATTI DEL PROSECCO DI SANDRO BOTTEGA
L’autore de I 100 Piatti del Prosecco, Sandro Bottega, ha voluto raccontare la gastronomia della terra del Prosecco attraverso la raccolta di cento ricette a partire dagli stuzzichini da servire con l’aperiti... Leggi di più
CARNEVALE AMBROSIANO, I VINI, LE CHIACCHIERE E LA ROSA
C’era una volta il Carnevale Ambrosiano. E sì, bisogna proprio cominciare così a raccontare anche gli eventi in corso, come lo storico Carnevale di Milano che dopo quattro giorni senza baldoria, purtroppo, si concl... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.