02apr 2015
al d. gelateria all'azoto
Articolo di: Fabiano Guatteri

La prima gelateria in Italia all’ azoto

Mercoledì 1 aprile  alla gelateria “ al d.” di Bergamo, Marios Gerakis, suo ideatore e patron , ha tenuto uno showcooking riservato alla stampa; per l’occasione ha preparato un gelato estemporaneo, ossia  in pochi secondi, utilizzando spremuta d’arancia, zucchero e azoto liquido

La dimostrazione precede l’apertura della gelateria, la prima in Italia all’azoto, prevista nella settimana successiva a Pasqua. Alla dimostrazione ha presenziato Davide Cassi, docente di Fisica della Materia presso l’Università di Parma, dove ha fondato e dirige il Laboratorio di Fisica Gastronomica ed è stato il primo presidente del primo Corso di Laurea in Scienze Gastronomiche dell’Università italiana. Cassi ha illustrato in termini scientifici  come nasce il gelato all’azoto: “l’idea tradizionale” ha spiegato “di gelato e sorbetto viene rivoluzionata: possiamo spremere un’arancia e mantecarne il succo all’istante, semplicemente versando azoto liquido mentre mescoliamo. Con notevoli vantaggi, non solo per il gusto: evitando del tutto l’utilizzo di sostanze estranee, abbiamo il controllo totale sugli ingredienti naturali e sulla loro qualità. L’azoto è assolutamente inerte: nessuna reazione chimica con gli ingredienti del gelato: anzi, li protegge dall’ossidazione”. 

Il gelato all’azoto supera quello tradizionale per almeno tre motivi:

il raffreddamento degli ingredienti avviene in pochi secondi; ciò impedisce la formazione di cristalli di ghiaccio e  conseguentemente il gelato è naturalmente più cremoso, setoso;

i cristalli di ghiaccio del gelato tradizionale anestetizzano il gusto impedendo la completa percezione dei sapori mentre questo non avviene con il gelato all’azoto che è apprezzato nella sua completezza gustativa; 

l’azoto estrae i sapori, li valorizza e pertanto permette di gustare il gusto originario della materia prima utilizzata: il gelato di lampone, per esempio, riproduce interamente il sapore del frutto, compresa la gradevole nota acidula, mentre nel gelato tradizionale al lampone il gusto risulta più appiattito, levigato.

Ma c’è di più. Marios Gerakis spiega che se si prepara un gelato utilizzando frutta, con il metodo tradizionale si ottiene “alla” frutta in quanto sono numerosi gli additivi utilizzati (è sufficiente leggere gli ingredienti del gelato che sono per legge dichiarati per rendersene conto), mentre nel caso si impieghi l’azoto si otterrà un gelato  “di” frutta. Infatti al centrifugato di frutta viene aggiunto solo zucchero quanto basta per addolcirlo e azoto e pertanto non ci sono additivi come grassi vegetali non meglio specificati, mono e digliceridi degli acidi grassi, grassi, emulsionanti, latte in polvere, latte, panna, zuccheri… utilizzati per rendere cremoso il composto. Si aggiunga che la gelateria non utilizza nessun semilavorato; anche per il gelato di pistacchi si parte dai frutti interi… e si sente. Questo gelato pertanto è adatto anche a chi  ha problemi di allergie e soddisfa anche i vegani. La gelateria al d. è in via Zambonate 51 a Bergamo.

1

2

3

Indirizzo : via Zambonate 51 Bergamo
Telefono : 035.0606273
Articoli Simili
I più letti del mese
CON IL PANETTONE DI FILIPPI PER L’AUTUNNO DI NEFF
Negli spazi di Neff a Milano per scoprire le novità della Pasticceria Filippi per il Natale 2020   Sembrava tutto magicamente concertato: il primo freddo su Milano, un pomeriggio di piacevoli incontri in uno spazio mag... Leggi di più
IL BERGAMOTTO, BUONO E SALUTARE, INTERPRETATO DALLO CHEF DAVIDE OLDANI
Arriva sugli scaffali una nuova proposta di Citrus – L’orto italiano: il bergamotto, la storia e una ricettaIl bergamotto interpretato dallo chef Davide Oldani. Due frutti di bergamotto, foglie di alloro ed u... Leggi di più
CRUDO E COTTO DI GAMBERI E CALAMARI AL DRY MISO
OFFICINA DESIGN CAFÈ: MANGIARE AL MUSEO A MILANO
Nella capitale mondiale del design e della moda non poteva mancare un’accogliente location che avrebbe potuto lanciare uno slogan come “mangiare al museo a Milano”. Un posto che trabocca di richiami all... Leggi di più
EUGENIO BOER APRE bu:r, IL SUO NUOVO RISTORANTE MILANESE
I fan di Eugenio Boer (foto 2), dalla sua uscita dalla scena ristorativa milanese dello scorso novembre dopo l’acquisizione della stella Michelin presso il ristorante Essenza, volevano sue nuove. Ma le notizie non ... Leggi di più
HA APERTO BERBERÉ MILANO COLONNE: PIZZE SHARING E BIRRE MIKKELLER
Berberè è una miscela di spezie delle cucine etiope ed eritrea, ma Berberè a Milano è soprattutto il nome di una pizzeria, o meglio, di quattro pizzerie, la quarta Berberè Milano Colonne, or ora inaugurata, che si sono f... Leggi di più
CINQUE NUOVI RISTORANTI PER LA 35ESIMA ASSEMBLEA ANNUALE LE SOSTE
Le Soste quest’anno è arrivata a quota ottantacinque, rappresentando i migliori ristoranti di cucina italiana nel nostro Paese e nel Mondo. L’idea originaria prese forma nel 1982 durante una cena tra ristoratori amici: a... Leggi di più
PINOT NERO RISERVA 110 NOIR LA GENISIA TORREVILLA UN ROSSO IN DIVENIRE
Torrevilla è una realtà vitivinicola cooperativa dell’Oltrepò pavese fondata nel 1907 che conta 600 ettari di terreno vitato e ha a suo attivo 200 soci. Negli ultimi anni ha realizzato La Genisia che rappresenta la... Leggi di più
DOVE UN TEMPO C’ERA UN CASTELLO | PODERE CASALE
Il Gutturnio è stato il primo vino piacentino a ricevere la denominazione di origine controllata.  Abbiano scoperto la versione di Podere Casale.  Un vino di carattere, di piacevolissima beva. Si produce anche, solo in ... Leggi di più
I PIATTI BELLA CIAO DEGLI CHEF CHE AUGURANO “BUONA LIBERAZIONE”
Un evento che esalta la libertà, accompagnato da “Bella ciao” - esempio di “inno alla libertà universale”, disse il bavarese che qualche settimana fa ne organizzò una pubblica rappresentazione per... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.