12ott 2018
WAGASHI, L’ARTE DELLA PASTICCERIA GIAPPONESE
Articolo di: Fabiano Guatteri

L'wagashi, ossia la pasticceria giapponese, differisce da quella occidentale nella forma e nella sostanza. A spiegarcelo è la chef pasticcera Satomi Fujita, accompagnata dal maestro Yoshikazu Yoshimura in una dimostrazione di arte pasticciera tenutasi a Milano. A presentarla Makoto Tominaga, Console Generale Aggiunto del Giappone e Francesca Prato dell’Ufficio Culturale del Consolato Generale del Giappone (foto 2)

 

L’ wagashi utilizza come base liquida l’acqua mentre quella occidentale impiega latte, panna, purè di frutta...

 

La pasticceria giapponese ci indica la stagionalità attraverso la forma del dolce, mentre quella occidentale utilizza prodotti stagionali.

 

Inoltre l’wagashi, al contrario della pasticceria occidentale, utilizza raramente gli stampi, perché i dolci nascono “liberamente” plasmati dal pasticcere.

 

Possiamo esemplificare quanto detto presentando un dolce (foto 1) a forma di crisantemo, prodotto senza stampi, modellato con l’ausilio di piccole forbici e che rappresenta l’autunno, stagione in cui il crisantemo fiorisce; un dolce autunnale europeo è il Mont Blanc che utilizza le castagne, frutti di stagione.

 

Satomi Fujita si è formata in una scuola di pasticceria in Giappone dove solo il 20 per cento degli allievi si dedicava all’ wagashi mentre gli altri preferivano la pasticceria occidentale. Lei stessa scelse quest’ultima e pertanto si trasferì in in Francia. Intraprese il suo percorso a Parigi dove cominciò a lavorare presso molti ristoranti stellati per poi a fermarsi presso un due stelle dove divenne pasticcera. Durante il soggiorno parigino partecipò casualmente a una lezione di pasticceria giapponese e ne rimase così colpita che decise di tornare in patria.

 

Ma l’inserimento nel mondo lavorativo non fu facile in quanto l’ambiente della pasticceria giapponese è molto maschilista e per una donna l’approccio è in salita. Quando si rivolse al maestro Yoshikazu Yoshimura che rappresenta l’ottava generazione di un’antica pasticceria a Kyoto, la Kameya Yoshinaga.
trovò un uomo comprensivo. E’ il maestro a spiegare che fu colpito favorevolmente dalla sua forte determinazione. Fu impressionato anche dalle sue mani sciupate, quasi ferite tipiche di chi lavora con passione.

 

Satomi Fujita non lo deluse, anche se il maestro scoprì successivamente che era una campionessa di karatè, e ciò spiegava lo stato delle sue mani. Satomi Fujita ora ha una propria pasticceria a Kyoto che si chiama Kafhiy (foto 3).

 

Durante la dimostrazione odierna sono stati presentati alcuni dolci.

 

Taneawase (foto  4), racchiude tra due cialde una crema di cacao pralinato e riporta il disegno di un fiore, che richiama la stagione in corso. Quello qui fotografato riproduce il disegno di un crisantemo stilizzato.

 

Felaine di frutta sono dolcetti che utilizzano purè di frutta e meringa (foto 5 ) e che pertanto in base ai frutti utilizzati assumono differenti colori.

 
Kurozatouwarabimochi ossia piccoli dolci preparati con zucchero grezzo di canna giapponese che può ricordare il moscovado anche se il sapore è leggermente diverso e da farina di felce. Insieme originano un composto lucente,, gelatinoso che Satomi Fujita ha interpretato farcendolo con una preparazione a base di cioccolato  refrigerata. Come si può vedere dal filmato (video 6 ) ha colmato gli incavi dello stampo con il composto, per poi unirvi “pasticche” di cioccolato fredde di frigorifero. Se si vuole è un dolce fusion considerato che la lavorazione di questo cioccolato è occidentale mentre l’involucro è wagashi.

1

2

3

4

5

6

Articoli Simili
I più letti del mese
DOOF L’ALTRA FACCIA DEL FOOD: DAL LEGAME FOOD-MAFIA, ALLA DISTORSIONE...
  Mare Culturale Urbano sabato 24 giugno 2017 Il  mondo del Cibo nasconde grandi problematiche che la TV, i media e i poteri forti del settore non mostrano. Il convegno DOOF, ideato dal giornalista del Corriere della S... Leggi di più
HENNESSY VERY SPECIALI LIMITED EDITION WITH SCOTT CAMPBELL
Per creare ogni anno la nuova Limited Edition di Hennessy Very Special, la Maison da tempo chiama a raccolta grandi artisti internazionali, chiedendo loro di re-interpretare questo iconico cognac con i propri codici espr... Leggi di più
DEBUTTA MOSER ROSÉ 2011 TRENTODOC, PINOT NERO IN PUREZZA
Era il 1984 quando Francesco Moser a Città del Messico stabilì il record dell’ora su pista e lo stesso anno produsse il suo primo MetodoClassico battezzandolo Moser 51,151. Un nome facile da ricordare, basta pensare ai c... Leggi di più
Prosciutto cotto
Il prosciutto cotto Lenti&Lode dell'azienda Lenti si differenzia da quelli di altri competitor sia per il tipo di lavorazione, sia per il sapore. La lavorazione prevede che la coscia suina di grossa pezzatura, provenient... Leggi di più
CONTAMINAFRO, IDENTITÀ IN EVOLUZIONE 2017 - “I GESTI DELLA BELLEZZA”
A mare culturale urbano dal 20 al 24 settembre 2017 la IV edizione di di Contaminafro, il festival delle culture contemporanee africane. Si svolgerà dal 20 al 24 settembre 2017 a mare culturale urbano la IV edizione di C... Leggi di più
ERIDANIA LANCIA LO SCIROPPO D’AGAVE 100% DI ORIGINE NATURALE E BIOLOGICO
Il marchio icona della dolcificazione in Italia risponde alle richieste dei consumatori, sempre più orientati verso prodotti che coniugano salute, natura e benessere, e lancia lo Sciroppo d’Agave Biologico. Riduzione del... Leggi di più
CINQUE ASSAGGI DI MUSICA PER CINQUE CHAMPAGNE
La letteratura enologica ci ha spiegato che i vini si possono abbinare ai cibi, e quando l’accostamento è sintonico vino e cibo si apprezzano al meglio.. Ogni grande vino possiede caratteristiche sensoriali che com... Leggi di più
LA LOCANDINA DELLA SECONDA EDIZIONE DELLA RASSEGNA “I VINI DEL PO”
La locandina seconda edizione della rassegna "I vini del Po" è in programma a Boretto (Re) sabato 29 ottobre. Si tratta di un evento di carattere enogastronomico e culturale che vede coinvolto il Club Papillon di Reggio ... Leggi di più
UN EVENTO DI DONNE A BOOKCITY MILANO
Bookcity Milano  è una manifestazione di tre giorni (più uno dedicato alle scuole), durante i quali sono organizzati incontri, presentazioni, dialoghi, letture ad alta voce, mostre, spettacoli, seminari sulle nuove prati... Leggi di più
L’OLIO PREFERITO DAGLI ITALIANI?... SE NE PARLERÀ A OLIO OFFICINA
Sei volontari (cioè marche che hanno messo a disposizione il proprio olio); 1.200 famiglie milanesi disponibili a degustare questi oli ed esprimere un proprio giudizio; una società di ricerca (Amagi-ForSurvey) che ha ela... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.