22dic 2018
NON DEPURATE / SPURGATE LE VONGOLE IN ACQUA E SALE!
Articolo di: Fabiano Guatteri

Le vongole sono molto apprezzate in sauté, in zuppetta, con gli spaghetti. Pur avendone voglia, però, talvolta uscendo tardi dall’ufficio non le acquistiamo solo perché non abbiamo il tempo di farle depurare della sabbia, mentre se invece potessimo buttarle subito in padella...

 

L'ammollo

Del resto l’ammollo sembrerebbe un passaggio fondamentale considerato che tutti i ricettari lo prescrivono. Questa fase è richiesta perché il presupposto è che le vongole siano potenziali portatrici di sabbia e che pertanto vadano depurate per evitare che questa si mescoli agli spaghetti che mangeremo.

A qualcuno è mai capitato al mare di pescare sott’acqua vongole o altri frutti di mare che vivono insabbiati? Mangiandoli crudi sulla barca o sulla spiaggia, aprendoli con un coltellino senza “spurgarli” ha mai trovato un solo granello di sabbia? Certo che no. 

 

Le "ricette" per salare l'acqua

L’ammollo che si richiede è in acqua salata. In alcuni casi nella ricetta è addirittura specificato quanto deve essere il sale, e in genere viene fornito il tempo di ammollo (non c’è in merito sempre concordanza). Per quanto riguarda la temperatura dell’acqua c’è chi la preferisce ambiente, chi di frigorifero. Il sale ovviamente viene aggiunto per ricreare un ambiente similmarino. A prescindere dall’attendibilità della dosatura (quando specificata) del sale, anche perché se non si dice in quanta acqua vada messo il sale, è perfettamente inutile fornirne la dose, l’aspetto inquietante è che si utilizza acqua del rubinetto che come minimo è addizionata di cloro, sostanze perfluoroalchiliche (che sia questa la purga per "spurgare/purgare" le povere vongole?) per cui a questo trattamento preferiamo dire, a nome nostro e delle vongoleno grazie”, anche considerato che le vongole prima della commercializzazione sono stabulizzate in acqua di mare sterilizzata, ossia priva di batteri, dove i frutti di mare si depurano.

 

Se la sabbia rimane...

E poi dopo aver “spurgato” le vongole se trovassimo ancora sabbia nel piatto giustificheremmo ugualmente l’imprescindibilità di questo rito tribale spiegando che magari il tempo di “spurgo” non è stato sufficiente senza però mettere in discussione la validità metodo stesso?

 

Il problema è un altro

Il problema è un altro. La sabbia nella preparazione la troviamo non perché sia ceduta dalle vongole impure, ma in quanto tra le tante vongole si trova un guscio perfettamente chiuso, pieno però non già del mollusco, bensì di sabbia, che nonostante il “bagno” purificatore, non si è aperto. Pertanto la beffa è che nonostante il tempo di ammollo, la sabbia nel guscio rimane. Ciò che si dovrebbe fare, invece, è sicuramente sciacquare le vongole molto accuratamente per eliminare sabbia o altre impurità presenti all’esterno. E’ un’operazione importante perché le vongole lavate in modo approssimativo e poi messe nell’acqua. lasciano un deposito di impurità sul fondo del recipiente che potrebbe essere attribuito all’effetto  “spurgo”, ma invece no.

 

Che fare?

Quindi, nel caso delle vongole veraci, mettiamo da parte tutte quelle che mostrano i sifoni, che sicuramente non hanno sabbia, e controlliamo le altre picchiettandole sul piano di lavoro per riconoscere quelle vuote che si apriranno più facilmente, oppure scottandole in una padella quanto basta perché si socchiudano controllando a quel punto le pochissime rimaste chiuse.

 

Spurghi contraddittori

Nelle ricette con “spurgo” si dice di buttare le vongole rimaste chiuse dopo la cottura. E’ un’implicita ammissione in quano se qualche vongola è rimasta chiusa è perché è piena di sabbia e pertanto va buttata... e la depurazione non è servita a nulla? Ma dai.

 

Aggiornamento 19 dicembre 2018

A questo punto abbiamo pensato di fornirvi la ricetta degli spaghetti alle vongole veraci come li prepariamo noi con il consiglio di quali scegliere visto che in Italia sono diffuse due varietà. Potete evitare di leggere la prima parte perché è spesa a spiegare quanto qui suggerito in merito alla non depurazione. In ogni caso la ricetta la trovate cliccando qui.

 

Aggiornamento 1 aprile 2019

Abbiamo aggnto un ricetta di spaghetti alle vongole pilaf  preparti utilizzando una tecnica diversa da quella utilizzata nella ricetta sopra  segnata. La potete trovare cliccando qui

1

Articoli Simili
I più letti del mese
ROMA FILM FESTIVAL: JEROBOAM BOTTEGA GOLD IN OMAGGIO A FRANCO NERO
Il 12 dicembre il XXI Roma Film Festival dedicherà un omaggio speciale a Franco Nero. L’evento si terrà a Roma, presso il Teatro Blasetti del Centro Sperimentale di Cinematografia, alla presenza dei massimi rappresentant... Leggi di più
CINQUE RUM CHE VALE LA PENA CONOSCERE | MILANO RUM FESTIVAL
Abbiamo scritto del Milano Rum Festival qui. Siamo stati per voi a degustare alcune referenze e di quelle provate cinque riteniamo che siano vivamente consigliabili. Severin  dalla Guadalupa, tra i rum della casa abbiamo... Leggi di più
AGOSTO AI GIARDINI PAPRIKA E CANNELLA: DELIZIE MEDITERRANEE CON UN TOCCO DI SARDEGNA
Per la prima volta il celebre ristorante di zona porta Venezia, ritrovo modaiolo e della” Milano bene”, rimane aperto tutto agosto per soddisfare i palati più esigenti che rimangono in città.  Una gradita sorpresa per l... Leggi di più
ARTBOX, IL NUOVO MAGAZINE DEDICATO A MOSTRE ITALIANE E INTERNAZIONALI
È Parigi il filo conduttore della prima puntata di Artbox, il nuovo magazine dedicato a mostre italiane e internazionali, in onda mercoledì 11 gennaio su Sky Arte HD alle 20.45. Punto di partenza, l'avveniristica Fondat... Leggi di più
ALLA STATALE DI MILANO ESPOSTA UN’IMPONENTE OPERA DI JANNIS KOUNELLIS
E’ stata recentemente inaugurata all’Università degli Studi di Milano in Via Festa del Perdono 3 dal Rettore Prof. Gianluca Vago e dall’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, Senza titolo 2005, l&rsq... Leggi di più
MANI IN PASTA APRE IN VIALE MONZA
Di Mani in Pasta abbiamo scritto qui. Ora influencer e pubblico a partire dalle ore 20 affolleranno l’evento del 29 Maggio dalle ore 20,00 da Mani in Pasta nella nuova sede in viale Monza 258 a Milano, dove, tra ar... Leggi di più
LA DOC MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COMPIE 50 ANNI
Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo è molto attivo nel promuovere vini che, come il Montepulciano d’Abruzzo e il Trebbiano d’Abruzzo che, per quanto noti, non hanno ancora un riconoscimento ampio quanto ... Leggi di più
Alto Adige Pinot Nero Riserva Mazon Hofstatter
Ci sono vini che non passano inosservati, in quanto non sono solo eccellenti, ma hanno un proprio fascino, una spiccata personalità. Analogamente alla bellezza umana chese non è supportata da personalità è vuota, così co... Leggi di più
Hennessy 250 Collector Blend, un Cognac di 250 anni
La Maison Hennessy compie quest’anno  250 anni, un quarto di millennio percorso grazie alla capacità imprenditoriale delle generazioni che si sono succedute. Le due famigli legate al brand, Hennessy e Fillioux, hanno sap... Leggi di più
ETNA, LA VITA DI UN GRANDE VULCANO | WINE TASTING
Voglia d'Estate, di brezza marina, di vento tra i capelli? Ti aspettiamo venerdì 19 gennaio a Treviso, giusto per te un wine tasting sui vini dell'Etna, sapidità come salsedine sulla pelle, freschezza e massima eleganza ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.